info@valseriananews.it
Valseriana News > News > Cronaca > “Rafforziamo la terapia intensiva dell’ospedale di Bergamo” 14 musicisti insieme per la solidarietà
Cronaca Bergamo

“Rafforziamo la terapia intensiva dell’ospedale di Bergamo” 14 musicisti insieme per la solidarietà

14 musicisti uniti per la solidarietà. “Rafforziamo la terapia intensiva dell’ospedale di Bergamo”.

“Rafforziamo la terapia intensiva dell’ospedale di Bergamo” è la campagna di solidarietà rivolta a rafforzare il reparto di terapia intensiva dell’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo.

Un’iniziativa nata da due musicisti Gabriele Ciambrone e Luca Balduzzi sulle note della canzone “Buonanotte all’Italia” che vede la straordinaria partecipazione di 14 membri tra cui Davide Civaschi, storico chitarrista della band Elio e le storie tese.

“In questo momento di emergenza nazionale, vogliamo dare il nostro contributo concreto per aiutare uno degli ospedali più colpiti dall’emergenza Coronavirus”. 

Gli artisti

Gli artisti che hanno preso parte all’iniziativa sono il chitarrista Davide Civaschi, Marco Valente (Tambourine), Luciano Cotti (Batteria), Luigi Dimino e Stefano Chiodini (Sax), Daniele Piovani, Massimo Tornese, Ilenia Smedile, Mara Bosisio, Laura La Berrets e Roby Margherita (Voce).

Tutti gli artisti sono stati guidati da Luca Balduzzi (produzione e direzione artistica) e da Gabriele Ciambrone (ideazione, progetto e management).

Il ricavato sarà destinato a Cesvi Onlus, Fondazione presente in Africa, Asia America Latina con progetti sempre innovativi che consentiranno di consegnare al nosocomio il materiale di cui si necessita per far fronte all’emergenza Covid-19.

Link per la raccolta fondi: https://www.facebook.com/donate/564554017520885/

Tutti i diritti riservati ©

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente
Articolo precedente
Itema Group dona 25mila mascherine ai presidi ospedalieri e sanitari...

Iscriviti alla news letter

You have Successfully Subscribed!