info@valseriananews.it
Valseriana News > News > Cronaca > Polizia locale e Polizia stradale intensificano i controlli
Cronaca Bassa Valle

Polizia locale e Polizia stradale intensificano i controlli

Polizia locale e Polizia stradale intensificano i controlli. Le sanzioni di 400 euro saranno applicate in maniera rigorosa.

Anche in Val Seriana sono stati intensificati i controlli per il rispetto delle norme dettate dall’emergenza covid-19.

Nel pomeriggio di venerdì, la Polizia locale dell’Unione Insieme sul Serio unitamente a una pattuglia della Polizia stradale di Bergamo, hanno controllato 96 persone e mezzi, 4 le sanzioni elevate per violazioni covid.

Persone che senza giustificato motivo, nello specifico i soggetti si spostavano sai loro paesi di residenza senza che ce ne fosse motivo.

I controlli congiunti continueranno anche nel week end e dalla prossima settimana inizieremo anche i controlli per chi si allontana dal domicilio per andare nei sentieri di montagna, sarà impiegato il servizio con il drone che ci permetterà di coprire un area molto ampia in minor tempo.

Il consiglio e sempre lo stesso state a casa se non vi è bisogno reale. Le sanzioni di 400 euro saranno applicate in maniera rigorosa.

Tutti i diritti riservati ©

28 Commenti

  • Renato ha detto:

    Non vedo il problema di chi va in
    montagna da solo.
    Che problema può creare?

    • Jepp Gambardella ha detto:

      É lo stesso quesito che mi pongo anchio da parecchi giorni.
      Che problemi può creare una persona in ottima salute, che percorre un sentiero isolato in mezzo ad un bosco, dove é quasi inpossibile incontrare gente o assembramenti vari di persone.
      .

      • Jake ha detto:

        il problema nasce quando ti fai male sul sentiero e non ci sono volontari x venire a prenderti o elicotteri x portarti in ospedale perché ho sentito dire che c’è un leggero intasamento nei pronto soccorso..

        • Rodolfo ha detto:

          Ottima risposta, spero che la gente ignorante la capisca

        • Stregabakeka ha detto:

          Vero.. come vero che sempre più gente si fa male a casa con l’uso di motoseghe e cadute .. come sempre più gente chiusa in casa diventa fobica e aggressiva.. basterebbe il buonsenso! Dopo il covid conteremo i danni cronici di gente che non solo avrà bisogno di uno psichiatra.. ma avremo bambini dipendenti , adulti depressi, e avvocati al lavoro per tutte le parole che sono state dette male! Non è cosa fai! È come lo fai che fa la differenza!

          • Bortolo ha detto:

            Me la motosega lo nascundidà apòsta. Ol probblema adès, lè che ma sà regòrde piö ndoca lè.
            Braaa comunque strega baciòca!

      • rodolfo ha detto:

        Che se si sente male o ha un infortunio non possono intervenire per il soccorso o ricerca visto che tutti sono impegnati in qualcosa di più serio.

    • rodolfo ha detto:

      Che se si sente male o ha un infortunio non possono intervenire per il soccorso o ricerca visto che tutti sono impegnati in qualcosa di più serio.

  • Papillon ha detto:

    Speriamo solo che i Droni in questione non siamo come quelli utilizzati spesso e volentieri dagli USA, seno son c..zi.

  • Alex ha detto:

    Controllare con i droni chi va in montagna. Mi sembra che stiamo un po’ esagerando. Sono perfettamente d’accordo su restare a casa e di evitare qualsiasi comportamento che possa mettere a rischio la salute pubblica. Ma se uno abita in un paesino di montagna e vuol fare qualche passeggiata( non intendo runner, alpinismo, sci alpinismo, ecc) nei boschi o sulle mulattiere vicino casa non mi sembra una cosa da folli. Poi vediamo che politici, opinionisti, giornalisti, ecc ecc, magari anche per giusta causa, spostarsi il lungo e in largo, vedi esempio inaugurazione ospedale di Milano. Purtroppo quando qualcuno ha il potere di limitare, anche per giusta causa, la libertà di altri a volte può anche iniziare ad abusarne. Come detto credo sia importante e fondamentale il rispetto delle regole, ma non dobbiamo nemmeno fare una caccia alle streghe. Il virus durerà a lungo e dovremo imparare a conviverci. Con le giuste precauzioni, tra qualche giorno/settimana, dovremo tornare tutti al lavoro, purtroppo senza lavoro il paese è destinato a morire. Questo è un momento difficile e servivano misure forti, ma sul lungo periodo non possiamo pensare che l’unica soluzione sia la repressione.

  • Rodolfo ha detto:

    Tutti d’accordo per quanto riguarda le norme di sicurezza! Poi arrivano gli “ignorantoni” che trovano tutte le motivazioni per ignorarle.

    • Jepp Gambardella ha detto:

      Vero rudolf, ora devo stare attento oltre che alle storte delle caviglie, anche ai tuoi strali ed ai droni che potrebbero cascarmi in testa…
      Grazie rudolf per tua innata saggezza!

      • Jepp Gambardella ha detto:

        PS rudolf, dimenticavo io ho anche un amico a quatro zampe pisciatore.
        E con quello…
        Ciao rudolf ricorda la pastiglia!

        • rodolfo ha detto:

          … e tu una bella supposta formato gigante

          • Jepp Gambardella ha detto:

            Scusa rudolf, al riguardo della supposta, cosa intendi per gigante?
            Tipo Dildo XL? O tipo una bella Zucchina matura? Cosi tanto per capire che tipo di misure gradisci per mè. Visto che non hai specificato come per l’Amico Renato.

  • Renato ha detto:

    Pigliati na pasticca rodolfo

  • Massimo Gotti ha detto:

    Sentire gente che si lamenta perché non può andare in montagna mi fa schifo. Pensate alle 11 mila persone in terapia intensiva, alle persone che ci hanno lasciato, alle persone che non sanno neppure dove sono i loro cari defunti e alle persone che rischiano la vita per salvarne altre o anche semplicemente per permettere a tutti noi di fare la spesa mettendo a repentaglio ogni giorno la loro stessa vita e quella dei propri cari. Ma dov’è il senso civico?!
    State a casa!

  • Giovanni ha detto:

    Buongiorno , non voglio fare polemicge pero’ voglio raccontarvi la mia esperienza, seduto al tavolo della cucina a bere un caffe’ nel giro di pochi secondi ho perso completamente la memoria ,come avere spento la luce, mi e’ durato circa 4 ore come mi hanno detto i miei famigliari, io non ricordo assolutamente nulla di quelle 4 ore, ho 60 anni non sono giovane, ma se siete in giro per sentieri da soli e vi capitasse una cosa del genere? in montagna non si va da soli e’ pericoloso.
    Grazie e buona giornata

  • Luigi ha detto:

    Meditare bene sugli ultimi 2 commenti dei saggi Massimo e Giovanni, grazie!

  • Luigi ha detto:

    PS. Nonostante la tragedia che ci è volata addosso, in Italia resiste una notevole percentuale di anarchici, alla faccia di chi da tanti giorni se ne sta agli “arresti domiciliari”!!!

    • 🅰 ha detto:

      L’Anarchia esiste come idea da sempre, prima del Comunismo cioè sx, prima del fascismo cioè dx, prima della dc cioè centro (dove poi ora vogliono stare quasi tutti…) ed esisterà fino alla fine dei tempi. Che ti piacia o no.

    • Alex ha detto:

      Non è una questione di anarchia. Anch’io ho perso mio padre in questa tragedia. Ma bisogna anche guardare avanti, non possiamo pensare di restare agli arresti domiciliari per sempre. Vivo praticamente fuori dal mondo e non capisco perché non posso uscire di casa con i miei bimbi per fare una passeggiata nel bosco fuori casa. Il fatto che vengano a controllarmi con il drone mi sembra assurdo e poco utile alla lotta contro il virus. NON SERVE LA CACCIA ALLE STREGHE. Sicuramente per chi vive in città molto abitate la situazione è diversa, se tutti escono è impossibile mantenere le distanze.

      • Tom ha detto:

        Quanto hai ragione Alex, ti sono vicino perchè ti capisco ho provato tutto quello che tu ora stai provando.
        Ho perso mia Madre a 8 anni lei ne aveva 34, mio Padre a 20 anni lui ne aveva 63.
        Sono state due tragedie, ti sono vicino Alex e non sono parole di circostanza.
        Sei un Uomo saggio Alex.

  • Luigi ha detto:

    Già, è un’idea sopratutto…italiana!

  • . ha detto:

    Gessica a questo andrebbero tirate ora le olane però nèè!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente
Articolo precedente
Da Gromo un messaggio di speranza per tutti quelli che...

Iscriviti alla news letter

You have Successfully Subscribed!