info@valseriananews.it
Valseriana News > News > Cultura > Visit Val Seriana – Leffe: Museo del Tessile
Cultura, LEFFE, Visit Val Seriana Val Gandino

Visit Val Seriana – Leffe: Museo del Tessile

Cosa visitare, fare e vedere in Val Seriana. Leffe il Museo del Tessile fra i luoghi rappresentativi della vita lavorativa della provincia di Bergamo.

Cosa visitare a Leffe in Val Gandino. Fra i luoghi d’arte da Visitare in Val Seriana va annoverato il Museo del Tessile di Leffe.

l Museo del Tessile

La sede espositiva è ubicata in un ex opificio del 1960. Il visitatore viene accompagnato da guide lungo un percorso che lo porta a vivere le varie fasi della lavorazione delle fibre. Dalla produzione della seta, alla cardatura, dalla preparazione alla tessitura con tutta l’evoluzione dei telai per concludere la visita con i macchinari di finissaggio e abbellimento dei tessuti.

E’ possibile toccare con mano le varie tipologie di lane e dei tessuti e vedere i macchinari in funzione. Si può ammirare inoltre il grande torcitoio della seta con la ruota del mulino ad acqua dal diametro di oltre 3 metri. Riprodotto il reparto carderia e la serie di telai dal medioevo a metà del XX secolo con la trasmissione centralizzata a cinghia di inizio ‘800.

Notevoli e particolari le macchine di finitura dei tessuti quali garzatrici, cimatrici, macchine da ricamo e per merletti. L’esposizione inoltre propone attività didattiche mirate, grazie alla disponibilità di una sala laboratorio multimediale. Fra le novità degli ultimi anni ci sono il giardino botanico con piante tessili e tintorie, il nuovo reparto di preparazione alla tessitura, dotato di “cantra” e “orditoio” ed un reparto (novità 2020) per la produzione di filati speciali come ciniglia e virgolino (il celebre lamé).

“Il virgolino –spiega Gianfranco Bosio, presidente dell’associazione ARTS onlus che cura il Museo – è un filato ricoperto molto utilizzato nell’arredamento. Solitamente è composto da un’anima di filo economico ma robusto che viene ricoperto con un filato molto lucido e prezioso. Il più noto è il lamè; filato di seta o poliammide ricoperto da una lamina di oro oppure argento. La macchina che presentiamo in Museo risale alla metà del 1900 e può ritorcere i filati per l’anima e successivamente ricoprirli con il filo lucido”. 

Video Museo del Tessile realizzato da Video Produzione Bergamo

Tutti i diritti riservati ©

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articolo precedente
Articolo precedente
Le misure di sicurezza nelle stazioni di FERROVIENORD dal 4...

Iscriviti alla news letter

You have Successfully Subscribed!