info@valseriananews.it
Valseriana News > Senza categoria > Le partite iva fanno squadra con CAPIL Bergamo
Senza categoria

Le partite iva fanno squadra con CAPIL Bergamo

In provincia nasce Capil Bergamo, l'associazione per gli autonomi e le partite iva. Distaso:" La soluzione arriva attraverso il confronto".

Durante i mesi di lockdown da alcuni lavoratori autonomi della provincia di Bergamo è nata l’associazione CAPIL Bergamo con l’obiettivo di fare chiarezza su temi di utilità comune come bonus, decreti, finanziamenti o fondi perduti. “L’idea è nata dopo alcune serate in cui ci siamo trovati e abbiamo pensato che aiutarci tra di noi sarebbe stato la linea giusta da seguire per uscire da questa crisi” – spiega Giuseppe Distaso, presidente di CAPIL Bergamo -. Eravamo sette Partite Iva e volevamo in qualche modo essere d’aiuto a tutti coloro che ogni giorno affrontano la sfida dell’essere un lavoratore autonomo”.

“Abbiamo pensato di raccogliere le problematiche e amplificarle a livello locale tramite la nostra web TV, il nostro prossimo programma radio e l’aiuto dell’informazione locale. La soluzione arriva attraverso un confronto e non attraverso un’imposizione o una decisione presa da una task force”. 

Diverse sono le istituzioni che stanno aprendo contatti con l’associazione per raccogliere dati e proposte concrete da parte delle Partite IVA stesse. 

“Solo scendendo sul campo e confrontandoci tra noi autonomi si riuscirà a superare questo momento di difficoltà. La situazione non è delle migliori e l’unione fa la forza. Per chi volesse partecipare in maniera attiva al nostro progetto ci contatti attraverso la nostra pagina Facebook CAPIL Bergamo o al nostro indirizzo e-mail info@capil.org – conclude Distaso-“.

Tutti i diritti riservati ©

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente
Articolo precedente
A Nembro un rintocco di campana per ogni vittima del...

Iscriviti alla news letter

You have Successfully Subscribed!