info@valseriananews.it
Valseriana News > News > Cronaca > Esselunga di Nembro, bloccate due giovani donne per furto
Cronaca, NEMBRO Media Valle

Esselunga di Nembro, bloccate due giovani donne per furto

Furto all'Esselunga di Nembro. Due donne denunciate a piede libero con divieto di rientro nel Comune di Nembro per anni 3.

Due cittadine italiane di origine Sinti classe 96 e 97 residenti a Torino, sono state sorprese in flagranza di reato durante un furto all’Esselunga di Nembro. Le due donne si aggiravano nelle corsie con fare sospetto, dopo aver pagato alla cassa beni per un valore di 5 euro sono state perquisite. Con se avevano molteplici confezioni di una nota marca di accessori per uomo per un valore complessivo di 525 euro, oltre alla merce venivano rinvenuti ulteriori 675 euro in contanti che le due donne non hanno saputo giustificare.

Numerosi i precedenti a loro carico per furto in diverse regioni d’Italia. Entrambe sono state denunciate a piede libero alla Procura di Bergamo. Nei loro confronti inoltre si è provveduto a richiedere il Foglio di Via obbligatorio al fine di allontanarle dal territorio di Nembro con il divieto di rientro nel comune per anni 3.

Le dichiarazioni del Comandante Marco Pera

“Come Comando di Polizia stiamo mutando i nostri servizi giorno dopo giorno, – dichiara il Comandante della Polizia Unione sul Serio Marco Pera -. L’obiettivo è quello di diventare punto di riferimento per la sicurezza nei territori dell’Unione. Attualmente i 6 comuni facenti parte del sodalizio ricevono un servizio di Polizia sempre presente con una centrale operativa raggiungibile tutti i giorni della settimana, ai cittadini che si rivolgono a noi è garantita un pronta risposta a tutte le esigenze rappresentate, passando dalla viabilità all’ambiente fino alla microcriminalità, l’obbiettivo è conquistare giorno dopo giorno la fiducia della popolazione con una reciproca collaborazione, e i risultati ci confermano che questo sta avvenendo”.

Tutti i diritti riservati©

Un Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente
Articolo precedente
Bambini, educatrice e famiglia: tutti negativi i contatti con il...

Iscriviti alla news letter

You have Successfully Subscribed!