info@valseriananews.it
Valseriana News > News > Cronaca > Fondi per il commercio, 100mila euro in Val Gandino
Cronaca Val Gandino

Fondi per il commercio, 100mila euro in Val Gandino

Bando da 100.000 euro per le attività commerciali della Val Gandino. Sul tavolo anche opere pubbliche e infrastrutture di promozione.

Un Bando destinato ad erogare 100.000 euro a favore delle attività commerciali della Val Gandino, ma anche il primo passo per un progetto di prospettiva che complessivamente vedrà stanziati, fra Regione e Comuni risorse per non meno di 400.000 euro. C’ è uno sforzo sinergico importante da parte del Distretto del Commercio de “Le Cinque terre della Val Gandino”, fra i primissimi nati in Lombardia nel 2007, nell’ambito del nuovo Bando Regionale aperto dal Pirellone ad inizio giugno.

“Quello delle Cinque terre della Val Gandino – spiega Giambattista Gherardi, coordinatore del Distretto –  è un progetto territoriale di alto profilo, destinato a diventare ancor più strategico e cruciale nel periodo post pandemia. I Comuni di Gandino, Leffe, Casnigo, Peia e Cazzano S.Andrea hanno fatto un paziente lavoro di squadra che ha dato frutti negli anni e che in questo caso vede messe in campo risorse regionali per 100.000 euro a favore delle attività commerciali. Il progetto è stato innanzitutto condiviso con tutti gli operatori. Attraverso un questionario, concertato con Ascom e Confesercenti, hanno segnalato le proprie urgenze e le proprie strategie d’impresa. Con oltre 100 questionari riconsegnati è emerso un quadro dove da un lato gli operatori vogliono valutare con prudenza le tendenze di consumo e dall’altro si richiede sostegno per le spese sostenute per adeguare gli esercizi alle varie prescrizioni. Ecco allora che il Bando erogherà contributi diffusi. I commercianti possono presentare, entro il 19 ottobre, spese per un minimo di 1000 euro e ricevere sino al 50% dell’ammontare totale, con un massimo di 5000 euro, che potrà anche essere innalzato a seconda delle domande pervenute ed ammesse”.

Il Distretto “Le Cinque terre della Val Gandino”

Il Distretto “Le Cinque terre della Val Gandino” unisce i comuni di Gandino (capofila), Leffe, Casnigo, Peia e Cazzano S.Andrea per un totale di circa 16.700 abitanti. Attualmente il Distretto è guidato da un coordinatore nominato dal Comune di Gandino e da un Comitato d’Indirizzo di cui fanno parte per ciascun Comune, un esponente dell’Amministrazione ed uno o più commercianti. La gestione amministrativa è affidata a Promoserio, fondata nel 2010 proprio a Gandino. A livello finanziario i cinque Comuni hanno sottoscritto una convenzione che mette a disposizione del Distretto annualmente una quota pro capite di 1,20 euro per abitante.

“La sinergia fra Comuni e fra pubblico e privato – sottolinea Filippo Servalli, vicesindaco di Gandino che è Comune capofila del Distretto – è un elemento fondante del progetto avviato tredici anni fa. Nel tempo abbiamo raccolto grandi soddisfazioni, dando all’intera Valle un’identità vivace ed inedita, che mostrasse discontinuità rispetto ai temi forti della manifattura e dell’industria, senza per questo venir meno alla propria radicata identità. Ecco allora che ad una capacità attrattiva di indubbio interesse a livello paesaggistico, culturale e ricreativo, si sono aggiunti progetti forti (ad esempio il Mais Spinato, la Traversata tra i Pizzi, la Lana Bergamasca, il Lino Val Gandino) che hanno trovato linfa vitale in orizzonti di prospettiva, come Expo 2015”. Il nuovo progetto (nel biennio 2020-2021) prevede anche opere pubbliche legate ai centri storici, quali ad esempio il parco S.Martino a Leffe, le aree centrali di Casnigo e Peia, la nuova piazza di Cazzano S.Andrea ed il parcheggio di piazza XXV aprile a Gandino. Non meno rilevanti le iniziative atte alla riduzione alla cancellazione (ed Tosap) o alla forte riduzione (Tari ecc.) per i commercianti di lcune imposte locali.
Negli anni sono state create importanti infrastrutture di promozione: il sito internet (addirittura in otto lingue compresi arabo, cinese e russo), la app Visit Val Gandino creata da Moma Comunicazione (con schede interattive per ciascun operatore e per i punti di interesse culturali) e le pagine social.

“Quale nuova prospettiva ambiziosa – conclude Gherardi – è stato identificato il tema “Cinque terre, cinque cerchi” utile a legare la Val Gandino al grande evento planetario dell’Olimpiade di Milano Cortina 2026. Geograficamente siamo nel luogo ideale, a metà strada fra le due località principali, a pochi chilometri dall’aeroporto di Orio, da Clusone, Selvino, Lago d’iseo e piste da sci. Senza dimenticare il traguardo intermedio che vede Bergamo e Brescia “Capitali Italiane della Cultura 2023”.

Tutti i diritti riservati ©

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente
Articolo precedente
Ragazza perde il sentiero dal Coca a Valbondione, tecnici dei...

Iscriviti alla news letter

You have Successfully Subscribed!