info@valseriananews.it
Valseriana News > News > Politica > Verbali gestione Covid riservati, il Governo fa ricorso contro il Tar
Politica

Verbali gestione Covid riservati, il Governo fa ricorso contro il Tar

Verbali gestione Covid riservati, il Governo ha fatto ricorso contro il Tar: i documenti devono restare riservati.

I documenti devono restare riservati: è con questo imperativo che il governo ha fatto ricorso al Consiglio di Stato contro la decisione del Tar di rendere pubblici i verbali secretati del Comitato tecnico scientifico della Protezione civile. Ovvero tutti i documenti tecnico scientifici usati dal presidente del consiglio Giuseppe Conte per emanare i dpcm di marzo e aprile, quelli del lockdown.

Il ricorso già ad aprile

Tre avvocati della fondazione Luigi Einaudi di Roma – Rocco Mauro Todero, Andrea Pruiti Ciarello e Enzo Palumbo – già ad aprile avevano fatto ricorso al tribunale amministrativo regionale del Lazio contro il rifiuto di far conoscere i documenti del Cts.

Il Tar il 22 luglio scorso ha deciso di rendere tutto pubblico entro 30 giorni ma il governo, cioè la Protezione civile che di questo è un dipartimento, ha messo in campo l’avvocatura dello Stato per ricorrere contro la decisione. Nell’appello è presente una domanda di sospensione cautelare della sentenza di primo grado. La decisione su questo punto dovrebbe quindi arrivare a giorni.

Perché i verbali dovrebbero restare segreti

Scrive l’avvocatura dello Stato: “I dpcm, oggetto dell’odierno contenzioso sono atti amministrativi generali, frutto di attività ampiamente discrezionale ed espressione di scelte politiche da parte del Governo che trovano la propria fonte giuridica nella delega espressamente conferita dal legislatore all’esecutivo in un atto avente forza di legge, ovvero, in particolare dapprima nell’articolo 3 del decreto legge 6/2020, convertito con Legge numero 13/2020 e, poi, nell’articolo 2 del decreto legge 19/2020, convertito con legge  35/2020, e rinvengono la propria ragione nell’esigenza temporanea ed urgente di contenere e superare l’emergenza epidemiologica causata dal Covid-19”. Per questo i verbali dovrebbero restare segreti.

“È grave aver fatto l’appello perché dimostra che il governo non è disponibile ad essere trasparente su atti così importanti – dice l’avvocato Andrea Pruiti Ciarello, consigliere di amministrazione della fondazione –  Atti che hanno compresso i diritti e le libertà costituzionali per i cittadini come mai nella storia della repubblica”. L’invito della Fondazione è quello di ritirare il ricorso e così “consentire ai cittadini di giudicare le scelte dell’esecutivo”. 

Tutti i diritti riservati ©

6 Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente
Articolo precedente
Atalanta questa sera alle 20.45 in campo contro l'Inter, Sfida...

Iscriviti alla news letter

You have Successfully Subscribed!