info@valseriananews.it
Valseriana News > News > Cronaca > Scuola: alla prima campanella non assegnati due terzi dei posti di ruolo ai docenti
Cronaca

Scuola: alla prima campanella non assegnati due terzi dei posti di ruolo ai docenti

Le scuole riaprono fra timori e incognite. CGIL: Una sola è la certezza: docenti e ATA non sono tutti al loro posto".

Dopo il via delle lezioni scolastiche di ieri lunedì 14 settembre, interviene Elena Bernardini, segretaria generale della FLC-CGIL di Bergamo. Qui di seguito fa il punto della situazione sul personale delle scuole del territorio provinciale.“Le scuole riaprono fra timori, incognite, parte del personale e dirigenti già esausti per la frenetica corsa a predisporre spazi, regolamenti e piani dettagliati per garantire la sicurezza. Una sola è la certezza: docenti e ATA non saranno tutti al loro posto dal primo giorno. Con le nomine in ruolo, infatti, è stato assegnato solo circa un terzo dei posti vacanti disponibili”.

“Il blocco dei concorsi e dei corsi abilitanti – prosegue Bernardini -, il rigido numero chiuso nei corsi di specializzazione, che hanno seguito solo una logica di risparmio e non di programmazione, producono effetti deleteri che si protraggono negli anni. Ora tocca ai supplenti, ma l’Ufficio scolastico Territoriale, nonostante l’impegno allo stremo dei pochi funzionari rimasti, non ha però ancora potuto nominare i 3.600 sostituti necessari ad occupare i posti ancora vacanti, di cui oltre 1.600 di sostegno: la piattaforma informatica per le nomine dei supplenti si è inceppata e da venerdì pomeriggio e per tutta la nottata di sabato non ha funzionato. Le nomine previste per sabato, dunque, sono slittate a oggi”.

“Le scuole, poi, solo da ieri possono iniziare a chiamare il personale aggiuntivo finanziato con il Decreto Agosto, circa 1.000 unità che devono servire a sdoppiare i gruppi classe numerosi, in particolare nella scuola dell’infanzia, oltre ad incrementare di oltre 600 posti l’esiguo numero di collaboratori scolastici, le cui incombenze si sono moltiplicate, dovendo garantire più sorveglianza e soprattutto pulizia e disinfezione continua degli spazi” prosegue Bernardini. “La procedura informatica per l’accesso alle nuove Graduatorie provinciali per le supplenze avrebbe portato vantaggi se non fosse stata avviata solo a fine luglio e conclusa senza il tempo per controlli e verifiche: nella provincia di Bergamo le 26.000 domande dei precari hanno prodotto graduatorie pubblicate solo in questi giorni e ancora piene di errori nei punteggi assegnati dal sistema, con il rischio di dover rifare molte assegnazioni”.

“Come ogni anno (ma quest’anno pesa molto di più) – sottolinea la sindacalista –  si scontano i ritardi e la complessità delle procedure nelle assunzioni e nella definizione dell’organico: mobilità, pensionamenti, assunzioni in ruolo, rinnovo delle graduatorie, certificazione degli alunni disabili, tutte a loro volta complesse e tardive.

Stiamo denunciando da tempo una gestione inadeguata di questo Ministero, che da anni si affida solo alla buona volontà del personale e della sua enorme capacità di adattarsi mettendo una toppa a tutte le carenze di un sistema lasciato senza i fondi e senza la cura che uno Stato attento dovrebbe dedicargli. Peccato che oggi chi grida di più elencando le carenze nell’organizzazione del rientro in sicurezza,finge di non ricordare che le responsabilità vengono da lontano: per assicurare il distanziamento fisico servono, oltre che spazi, il giusto numero di docenti e di alunni per classe. Da un decennio i numeri imposti da tagli sconsiderati hanno prodotto le cosiddette classi pollaio che oggi sono la prima criticità da affrontare”.

Tutti i diritti riservati©

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente
Articolo precedente
78enne ferito alle gambe mentre taglia la legna nel bosco....

Iscriviti alla news letter

You have Successfully Subscribed!