info@valseriananews.it
Valseriana News > News > Cronaca > Vaccino antinfluenzale gratuito: chi ne ha diritto
Cronaca Bergamo

Vaccino antinfluenzale gratuito: chi ne ha diritto

Vaccino antinfluenzale gratuito: chi ne ha diritto. Le precisazioni di ATS Bergamo.

Dall’Agenzia di Tutela della Salute di Bergamo arrivano importanti precisazioni sulle classi di popolazione per cui è previsto il vaccino antinfluenzale gratuito, sull’ordine di effettuazione e in merito a quale componente del servizio sanitario territoriale è necessario rivolgersi. Si tratta di delucidazioni emerse dalle riunioni di ATS Bergamo con i responsabili dei PRESST e dai contenuti dell’accordo AIA (Accordo Integrativo Aziendale) firmato con le sigle dei sindacati MMG che identificano le categorie di soggetti aventi diritto alla vaccinazione gratuita e le sedi di afferenza degli stessi. 

In particolare nella riunione con i PRESST sono state indicate queste priorità: 

1. pazienti appartenenti alle categorie a rischio (vedi elenco “Persone ad alto rischio di complicanze o ricoveri correlati all’influenza” di cui alla Circolare Ministeriale);  

2. pazienti over 65 anni (tra cui gli ospiti di RSA);  

3. operatori sanitari;  

4. bambini 6 mesi-6 anni;  

5. pazienti della classe di età 60-64 anni;  

6. altre categorie previste dalla circolare ministeriale 

Nell’Accordo Integrativo Aziendale siglato con i sindacati dei MMG è indicato che i MAP potranno vaccinare con il vaccino anti-influenzale, secondo questa lista di priorità: 

  1. gli assistiti di età ≥ 65 anni, cioè nati nell’anno 1955 e precedenti; 
  2. gli assistiti in ADI e ADP anche di età inferiore a 65 anni; 
  3. i soggetti allettati e/o disabili, rientranti nelle categorie definite a rischio, con impossibilità a raggiungere le sedi ambulatoriali individuate per la vaccinazione; 
  4. gli assistiti di età < 65 anni affetti da patologie croniche e/o da malattie rare comprovate da relativa esenzione di patologia cronica/rara; 
  5. gli assistiti di età 60-64 anni, se e come previsto dalle indicazioni regionali. 

Pertanto è chiaro che la popolazione affetta da patologia cronica può rivolgersi indifferentemente sia al PRESST sia al proprio medico. Per quanto riguarda la popolazione 60-64 anni, si offrirà la vaccinazione con priorità 5, quindi in coda alle altre categorie. Per la popolazione 2-5 anni si offrirà il vaccino spray che verrà somministrato dai Pediatri di Famiglia che si sono resi disponibili a questo servizio. Tutte le altre categorie di bambini dovranno rivolgersi ai PRESST.  

“E’ importante in questa fase, in cui si sommano la campagna vaccinale e la situazione critica che sta investendo la Lombardia e le altre regioni, che i cittadini aiutino il lavoro degli operatori sanitari, medici di medicina generale e ospedali, attendendosi alle priorità indicate – precisa il direttore sanitario di ATS Bergamo Carlo Alberto Tersalvi –. Tutto il sistema sanitario regionale è impegnato a far fronte all’attuale situazione, soprattutto a garantire che tutte le categorie a rischio possano ricevere gratuitamente l’offerta di vaccinazione”.  

Ovviamente, se dovessero cambiare le indicazioni da parte di Regione Lombardia, sarà cura dell’Agenzia di Tutela della Salute di Bergamo darne tempestiva e ampia diffusione. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente
Articolo precedente
Didattica a distanza, studenti in protesta. Di Muzio: "Non si...

Iscriviti alla news letter

You have Successfully Subscribed!