info@valseriananews.it
Valseriana News > News > Cronaca > Bergamo: indice Rt attorno a 1, accessi in Pronto Soccorso in calo del 46%
Cronaca Val Seriana

Bergamo: indice Rt attorno a 1, accessi in Pronto Soccorso in calo del 46%

Incontro settimanale di ATS Bergamo con i sindaci della Bergamasca . Rt della provincia di Bergamo attorno a 1 e 3.700 positivi. Accessi al PS in calo del 46% rispetto al 2019.

La consueta call del venerdì di ATS Bergamo con i sindaci della Bergamasca di ieri mattina è servita innanzitutto a correggere alcuni numeri usciti sulla stampa. Il “famoso” indice Rt per la nostra provincia è attorno a 1 (e non pari a 1,7), i positivi sono 3.700 (e non 6.500), mentre i contatti in isolamento fiduciario sono circa 3.000. A precisarlo è stato il dottor Alberto Zucchi che ha poi completato il quadro dal punto di vista epidemiologico: “I casi di positività sono in aumento ma lieve, quindi la curva tende a stabilizzarsi, la media giornaliera è di 234 positivi ed è in diminuzione, il rapporto positivi/tamponi è al 10%”.

Il dato dei pronto soccorso

Un altro dato confortante è quello degli accessi al pronto soccorso: “Abbiamo confrontato gli accessi del 2019 rispetto a quelli del 2020 per quattro settimane dal 21 ottobre al 16 novembre. Si evidenzia un calo medio del 46%, con una diminuzione che riguarda in particolare i codici verdi. Dal punto di vista epidemiologico si tratta di una maggiore appropriatezza negli accessi; in sintesi le persone valutano con maggior attenzione se è il caso o meno, per il proprio stato, di recarsi al pronto soccorso”. Unica nota dolente il distretto di Bergamo Ovest, che continua a restare in area di criticità; per contro l’Alto Sebino è rientrato definitivamente. 

Medici di assistenza primaria

La call di ieri è stata anche l’occasione, per il dottor Carlo Alberto Tersalvi, direttore sanitario di ATS Bergamo, per fare il punto della situazione sui Medici di Assistenza Primaria: “Ad oggi abbiamo avuto 101 cessazioni e altre 27 sono previste da qui alla fine dell’anno per quanto riguarda medici e pediatri. Ma i bergamaschi non devono preoccuparsi perché tutti i cessati sono stati sostituiti con medici titolari, con medici provvisori o con le Usca; altrettanto verrà fatto con le prossime cessazioni”. A migliorare le prospettive in quest’ambito due elementi: l’incremento delle Usca, che arriveranno a 24 entro la fine dell’anno, e la possibilità per i tirocinanti al terzo anno del Corso per Medici di Medicina Generale  di sostituire i medici di medicina generale proprio a partire dal 2021. 

Sul fronte della telemedicina il territorio di Bergamo fa registrare numeri in costante crescita: ad oggi abbiamo 392 medici che hanno attivato il sistema di telemonitoraggio per 1.107 pazienti; attualmente in telesorveglianza ci sono 346 pazienti.  

Infine, per recepire le indicazioni della Delibera Regionale 3114 del 7/5/2020 relative al processo di “Segnalazione casi sospetti da parte del medico”, è stato realizzato il Cruscotto di Sorveglianza che “permette la consultazione di dettaglio e la georeferenziazione dei singoli casi Covid residenti in un determinato Comune – come ha spiegato il direttore generale di ATS Bergamo Massimo Giupponi – L’accesso può essere effettuato, previa profilazione, da parte di Prefettura, Protezione Civile, Sindaci ed eventuali altri Enti o Organizzazioni, coordinati dalle Prefetture, coinvolti nei processi di monitoraggio delle misure atte a contenere la diffusione dell’epidemia”.

Il dottor Iorio Riva dell’Ufficio sindaci di ATS Bergamo è entrato nei dettagli operativi: “Il 28 ottobre i sindaci hanno ricevuto dalla Prefettura di Bergamo una comunicazione nella quale veniva loro richiesto di comunicare i propri dati personali al fine dell’attivazione delle credenziali. ATS sta provvedendo in questi giorni alla profilazione dei primi dati pervenuti. La possibilità di accesso viene data sia al Sindaco sia ad altri collaboratori da lui segnalati”. Per ora verranno abilitati in via prioritaria i sindaci, in un secondo step saranno accolte tutte le altre istanze: questo per permettere che tutti i Comuni abbiano almeno un accesso. L’attivazione del Cruscotto di Sorveglianza ci permetterà inoltre di disattivare il flusso dati ATS/Prefettura/Protezione Civile/Comuni al fine di evitare sovrapposizioni di informazioni ed eventuali errori – ha concluso il direttore generale Giupponi – L’attività di profilazione è già cominciata: si prevede di completare il processo entro i primi giorni di dicembre”.  

Un Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente
Articolo precedente
Investita a Ponte Nossa, 53enne muore un anno dopo. Era...

Iscriviti alla news letter

You have Successfully Subscribed!