Seguici su

Cronaca

ATS Bergamo in prima linea per la riapertura delle scuole il 7 gennaio

ATS Bergamo in contatto costante con le scuole per la riapertura del 7 gennaio. Attivi numerosi canali di comunicazione.

Pubblicato

il

La pandemia in atto richiede l’attivazione di collaborazioni e relazioni istituzionali strette e dirette. In vista della ripresa, a partire dal 7 gennaio 2021, delle lezioni in presenza anche per gli studenti delle scuole superiori, la necessità di comunicazione rapida e autorevole tra le istituzioni scolastiche e l’ATS di Bergamo diventa ancor più importante e sentita.  

Attivati diversi canali di comunicazione

Per questo ATS Bergamo ha già attivato alcuni canali comunicativi, come spiega il dottor Sergio Piazzolla, Dirigente medico referente per la sicurezza delle scuole in ATS: “Abbiamo attivato una casella mail dedicata esclusivamente alle scuole del territorio bergamasco, dalle scuole dell’infanzia alle secondarie di secondo grado ed agli istituti di Formazione Professionale, sia statali che paritarie. La casella è presidiata quotidianamente7 giorni su 7, quindi compresi il sabato e la domenica, dal personale dei tre Settori Prevenzione del Dipartimento di Igiene e Prevenzione Sanitaria (DIPS) di ATS, ciascuno per il proprio territorio di competenza”. E’ il canale attraverso il quale vengono scambiate tra scuola e operatori sanitari tutte le informazioni relative ai casi di alunni o personale risultati positivi ai tamponi, nonché le comunicazioni ed i provvedimenti conseguenti volti a mettere in isolamento e quarantena i loro contatti stretti, che sono generalmente alcune decine per ogni soggetto positivo.  

La casella è stata attivata da ATS dall’inizio del mese di settembre 2020 per “accompagnare” e comunicare con le scuole fin dall’avvio del nuovo anno scolastico 2020-2021, ed è molto utilizzata quotidianamente dalle istituzioni scolastiche.  

“Inoltre abbiamo due linee telefoniche dedicate esclusivamente a tutti gli istituti scolastici, a disposizione dei Dirigenti Scolastici e dei referenti Covid di ciascun plesso o istituto (sono circa 1.500 le persone che svolgono questa funzione in provincia) per richieste di informazioni e chiarimenti sulla normativa, sulle modalità di prevenzione del contagio da SARS-CoV-2 e sulle misure in caso di presenza di soggetti sintomatici o contagiati”, prosegue il dottor Piazzolla. Queste linee sono presidiate 7 giorni su 7 da alcuni Dirigenti medici del DIPS di ATS appartenenti al Gruppo di Lavoro di assistenza alle scuole appositamente costituito in ATS e coordinato dallo stesso dottor Piazzolla. “Le linee sono state attivate dalla prima settimana di novembre e si stanno rivelando un valido canale diretto e immediato, prezioso specialmente nelle primissime fasi di gestione di un caso positivo a scuola, quando la comunicazione di tale situazione arriva improvvisamente per le vie brevi (telefoniche) dalla famiglia alla scuola, in attesa degli adempimenti formali per via informatizzata necessari. In tal modo la scuola si confronta subito con ATS e riceve le primissime indicazioni operative su come agire e comportarsi già in quella stessa giornata in cui apprende dalla famiglia la positività dell’alunno”. 

Permane sempre operativo anche lo sportello informativo rivolto alle scuole superiori per argomenti inerenti la tutela della salute e sicurezza degli studenti in Alternanza scuola/lavoro (ora denominata PCTO, Percorsi per le Competenze Trasversali e l’Orientamento) attivato da tre anni scolastici. “Oltre che rispondere ai quesiti sul tema specifico, collaboriamo con l’Ufficio Scolastico di Bergamo e con quello Regionale per la predisposizione di documenti e atti di indirizzo sulle misure di prevenzione da attuare – conclude Piazzolla – E’ infine attiva anche una via diretta di comunicazione in tempo reale da parte della Direzione Sanitaria di ATS con la dirigenza dell”Ufficio Scolastico per situazioni urgenti e di carattere generale”. Nell’ambito di questa collaborazione sono state organizzate da settembre quattro videoconferenze in plenaria tra Dirigenti Scolastici, Ufficio Scolastico ed ATS per confrontarsi sulle criticità che man mano si evidenziavano con lo svolgersi dell’anno scolastico. 

Tutti i diritti riservati©

Continua a leggere le notizie di Valseriana News e segui la nostra pagina Facebook

Clicca per commentare

Tu cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pubblicità
Pubblicità

Facebook

Pubblicità