info@valseriananews.it
Valseriana News > News > Politica > “Ora Basta”, in centinaia sotto la Regione dopo il caso dei dati Covid rettificati
Politica

“Ora Basta”, in centinaia sotto la Regione dopo il caso dei dati Covid rettificati

Militanti del PD, M5S, Italia Viva, Azione e di numerose associazioni, si sono ritrovati lunedì sotto il palazzo della Regione Lombardia per manifestare il loro dissenso contro la giunta regionale e chiedere le dimissioni del presidente Attilio Fontana e del neoassessore al Welfare, Letizia Moratti dopo il caso dei dati Covid rettificati

Alcune centinaia di militanti del Partito Democratico, Movimento 5 Stelle, Italia Viva, Azione e di numerose associazioni, si sono ritrovati lunedì 25 gennaio sotto il palazzo della Regione Lombardia per manifestare il loro dissenso contro la giunta regionale e chiedere le dimissioni del presidente Attilio Fontana e del neoassessore al Welfare, Letizia Moratti dopo il caso dei dati Covid rettificati.

La giunta lombarda continua a difendere il proprio operato ma un’email mostrata al Tg1 dimostra come l’Istituto Superiore di Sanità segnalò l’errore di compilazione dei dati – che portò ad avere un Rt da zona rossa – già il 7 gennaio. Guarda il servizio del Tg1 qui.

La protesta sotto il Pirellone

“Sindaci, commercianti, studenti e imprenditori, la piazza di questa sera ha confermato la sfiducia dei lombardi nel centrodestra. Porteremo la sfiducia di tutti i cittadini all’interno delle Istituzioni. Questa esperienza di malgoverno si deve concludere il prima possibile, in modo che la Lombardia possa presto tornare a correre” dichiara il capogruppo del Movimento Cinque Stelle, Massimo De Rosa, a margine della manifestazione “Ora basta. I vostri fallimenti non si contano più!” organizzata per chiedere conto a Regione Lombardia dell’errore commesso nella comunicazione dei dati all’ISS, costato ai cittadini una settimana di lockdown. 

Nel corso della manifestazione M5S Lombardia ha esposto cartelli con le scritte “Andate a casa”, “Centrodestra incapace”, “Dilettanti allo sbaraglio”,  “Povero re e povero anche il lombardo ah beh, sì beh”.

“Nonostante il grave fallimento nel quale hanno trascinato la Lombardia Lega, Forza Italia e Fratelli d’Italia vorrebbero continuare a commettere gli stessi errori. È arrivato il momento di dire basta. Il centrodestra prenda atto del fatto che i lombardi non hanno più fiducia nel loro governo, sia assumano le proprie responsabilità e ne traggano le debite conseguenze”  conclude De Rosa.

Tutti i diritti riservati ©

6 Commenti

  • luca ha detto:

    Militanti del PD, M5S, Italia Viva…che coraggio! Gli stessi partiti che hanno portata l’Italia a essere il paese con la più alta mortalità da Coronavirus ogni 100mila abitanti in tutto il mondo e la peggiore nazione come come perdita di pil! Il peggio del peggio.

    • Valentino ha detto:

      Credo che in questo caso non si tratta di fare considerazioni in base al colore politico. In ogni campo bisognerebbe essere professionali, cosa ben evidente che i governanti lombardi non hanno dimostrato causando un’immagine che la regione lombardia non si merita. Chi ritiene di aver subito danni ne tragga le debite considerazioni.

    • !? ha detto:

      Negare negare sempre l’evidenza dei fatti, e gettare discredito sugli altri per coprire i propri errori (come in questo caso) ma le vicende del vostro amicone trump, non vi hanno insegnato proprio nulla!?

      • ... ha detto:

        luca, hai già dimenticato tutto quanto é successo all’ospedale Pesenti Fenaroli di Alzano Lombardo?
        Memoria MOLTO cortina vero…

  • W. ha detto:

    …. e dimentichiamo gli scandali delle mascherine? Ed i dati falsi comunicati quotidianamente in TV all’inizio della pandemia per Alzano e vicinanze? Ci sono voluti i conteggi dei morti per smentire Gallera e suo collega in TV.
    E noi li paghiamo pure…

    • 1234567... ha detto:

      Ci sarebbero anche i Camici del Cognato fatturati a regione Lombardia e poi grazie a Report…
      Meglio fermarsi, troppe ce ne sarebbero da conteggiare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente
Governo: Conte si dimette martedì. Prima il Consiglio dei Ministri,...

Iscriviti alla news letter

You have Successfully Subscribed!