info@valseriananews.it
Valseriana News > News > Cronaca > Campello di Gorno: demoliti due edifici dell’ex villaggio minerario
Cronaca, GORNO Alta Valle

Campello di Gorno: demoliti due edifici dell’ex villaggio minerario

I lavori, portati avanti dalla ditta Edil Scavi di Damiano Perani, termineranno entro fine mese. L'obiettivo dell'intervento è quello di mettere in sicurezza l'intera area.

Lavori in corso a Gorno: due edifici dell’ex villaggio minerario di Campello sono in fase di demolizione. La decisione di procedere con questo intervento è stata presa per salvaguardare la sicurezza degli abitanti. Nel mese di dicembre 2020 era crollata un’autorimessa situata nella zona: fortunatamente non si registrarono feriti. L’autorimessa è stata demolita ad inizio gennaio 2021.

“Gli immobili in questione – spiega il sindaco di Gorno, Giampiero Calegari – erano di proprietà del demanio e solo 7 anni fa sono passati di proprietà al comune. Le condizioni erano pessime: tetti e muri portanti rovinati dall’acqua. Seppur con grande dispiacere abbiamo deciso di demolire questi immobili che facevano parte della nostra zona; la sicurezza degli abitanti viene prima di tutto”.

Campello di Gorno: le foto della demolizione

I lavori hanno preso il via a metà marzo e termineranno, tempo permettendo, entro fine mese. Ad occuparsi delle opere di demolizione è una ditta di Gorno, Edil Scavi di Perani Damiano: “Al momento – spiega il titolare della ditta – ci stiamo occupando della demolizione di una casa e di uno degli uffici dell’ex villaggio minerario, edifici pericolanti che si trovano a ridosso della strada provinciale. I metri cubi di detriti che abbiamo eliminato fino ad ora sono circa un centinaio e, entro fine lavori, contiamo di arrivare a 150metri cubi. In cantiere stiamo lavorando in due persone e pensiamo di terminare il tutto entro fine mese. L’obiettivo dell’intervento è proprio quello di mettere in sicurezza l’intera area”.

Gioia Masseroli

Tutti i diritti riservati ©

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente
Storie per la testa: corso di letteratura “da 0 a...

Iscriviti alla news letter

You have Successfully Subscribed!