info@valseriananews.it
Valseriana News > News > Cronaca > Cotonificio Albini, cassa integrazione straordinaria per tutti i dipendenti
Cronaca Albino

Cotonificio Albini, cassa integrazione straordinaria per tutti i dipendenti

Cotonificio Albini, cassa integrazione straordinaria per tutti i dipendenti. CGIL: "Situazione seria, ma c'è un accordo per limitare i danni".

Continua la crisi produttiva al Cotonificio Albini, che come tutto il settore tessile e moda continua a registrare un numero di ordini molto inferiore agli anni precedenti. L’azienda ha annunciato la richiesta di cassa integrazione straordinaria per tutti i 454 dipendenti (quadri, impiegati e operai) del sito di Albino.

Il ricorso alla CIGS è reso necessario dal fatto che l’Albini non rientra nei parametri per la cassa Covid: il fatturato del primo semestre 2021 è infatti di poco superiore al 50% di quello del 2019, soglia massima per l’accesso a questo strumento. 

Ieri i sindacati hanno chiuso un’ipotesi d’accordo con l’azienda, che è stata presentata ai lavoratori oggi in assemblea ad Albino.

L’accordo prevede:

  • La rotazione mensile del personale in cassa.
  • L’anticipo a carico dell’azienda del trattamento di cassa, senza che sia necessario aspettare autorizzazione del ministero.
  • Incontri bimestrali tra le parti per rivalutare ordini e carico di lavoro.
  • Prosecuzione del programma di incentivi all’esodo o all’accompagnamento alla pensione, attivo già da tre mesi

“La situazione continua ad essere seria – spiega Ennio Cornelli della Filctem CGIL – ma contiamo di gestirla limitando i danni percorrendo la strada delle uscite volontarie. Aspettiamo e chiediamo però un intervento da parte delGoverno sulla crisi del settore tessile e moda, più in difficoltà di altri per l’emergenza economica legata al Covid”.

Tutti i diritti riservati ©

Un Commento

  • Carlo57 ha detto:

    Eppure io che abito a Bergamo in Borgo Santa Caterina vedo che bar e pizzerie sono affollati. Ma c’è anche gente non straniera che chiede la carità. I piagnistei di chi si lamenta che non può passare le serate al bar o in pizzeria mi sembrano un insulto alla miseria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente
Allarme benzina nei distributori Eni a corto di carburante: "Ci...