info@valseriananews.it
Valseriana News > News > Cronaca > Sicurezza di ponti e viadotti, alla provincia di Bergamo 14 milioni in 3 anni
Cronaca Bergamo

Sicurezza di ponti e viadotti, alla provincia di Bergamo 14 milioni in 3 anni

Tutto è pronto pronto per la ripartizione dei fondi previsti per la messa in sicurezza dei ponti e viadotti esistenti e la realizzazione di nuovi ponti in sostituzione di quelli esistenti: pubblicato in Gazzetta il Decreto del Ministero

Buone notizie per la viabilità bergamasca: in tre anni arriveranno oltre 14 milioni da spendere per la sicurezza di ponti e viadotti. Tutto è pronto pronto infatti per la ripartizione dei fondi previsti per la messa in sicurezza dei ponti e viadotti esistenti e la realizzazione di nuovi ponti in sostituzione di quelli esistenti, con problemi strutturali di sicurezza, della rete viaria di province e città metropolitane. È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale Decreto del Ministero delle Infrastrutture e della mobilità sostenibili 7 maggio 2021 recante “Ripartizione ed utilizzo dei fondi previsti dall’art. 49 del decreto-legge 14 agosto 2000, n. 104, convertito con modificazioni dalla legge 13 ottobre 2020, n. 126, per la messa in sicurezza dei ponti e viadotti esistenti e la realizzazione di nuovi ponti in sostituzione di quelli esistenti, con problemi strutturali di sicurezza, della rete viaria di province e città metropolitane“.

Alla Lombardia sono destinate risorse per 122 milioni di euro di cui oltre 14 per la provincia di Bergamo. “Grazie alle nostre misure previste nel Decreto Agosto – commenta il Consigliere regionale del M5S Lombardia Nicola Di Marco -, con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del Decreto Interministeriale, sono finalmente disponibili, 1,15 miliardi di euro per la messa in sicurezza di ponti e viadotti e la realizzazione di nuove infrastrutture e relativa rete viaria. Alla Lombardia sono destinate risorse per 122 milioni di euro che mi auguro siano usate presto e bene. La rete, soprattutto in ambito locale, necessita di interventi urgenti di manutenzione. Ciò sia in ambito preventivo che conservativo anche per aumentare la sicurezza di chi transita. Il finanziamento è stato ottenuto dal M5S e risponde concretamente ad anni di tagli in tema di conservazione delle nostre strade”.

Sicurezza ponti e viadotti: le risorse per provincia

“Tra le attività finanziate è compreso anche il monitoraggio strutturale delle opere con l’esecuzione di rilievi, di studi sul traffico e del livello di incidentalità che ricordo essere molto elevato in alcune province. In Lombardia la stima del costo sociale dei sinistri stradali con lesioni a persone, il dato è del 2019, è risultata all’incirca di tre miliardi di euro (https://www.dati.lombardia.it/Statistica/Incidenti-stradali/kfsx-gizw). Si tratta quindi di investimenti fondamentali e destinati a numerose attività come la progettazione, la verifica della sicurezza, il dissesto idrogeologico o la vulnerabilità sismica. Con questo decreto poniamo l’ultimo tassello a un processo di verifica e controllo di tutte le nostre infrastrutture, indispensabile per una mobilità sicura ed efficiente”, conclude Di Marco.

Nella foto: l’ultimo ponte chiuso in provincia di Bergamo, quello di Fiorano al Serio

Tutti i diritti riservati ©

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente
Vending, calano le imprese: Bergamo è la provincia lombarda che...