info@valseriananews.it
Valseriana News > News > Cronaca > Terza dose e vaccino antinfluenzale, i chiarimenti di Regione Lombardia
Cronaca

Terza dose e vaccino antinfluenzale, i chiarimenti di Regione Lombardia

La terza dose è offerta in co-somministrazione con l'antinfluenzale solo a cittadini over 80 e agli immunocompromessi

“Regione Lombardia conferma che, al momento, la terza dose è offerta in co-somministrazione con l’antinfluenzale presso i centri vaccinali solo a cittadini over 80 e a cittadini immunocompromessi”. Lo comunica in una Nota la Direzione generale Welfare della Regione in merito alla somministrazione delle terze dosi in Lombardia e alla co-somministrazione vaccino anti Covid-19 e vaccino antinfluenzale.

“A seguito del nuovo schema posologico dei vaccini anti Covid-19 approvati (Pfizer e Moderna), comunicato da AIFA l’11 ottobre, la somministrazione della terza dose anti Covid-19 nelle farmacie aderenti è sospesa. La prenotazione è comunque garantita attraverso il portale di prenotazione www.prenotazionevaccinicovid.regione.lombardia.it”.

“Per quanto riguarda l’offerta del vaccino antinfluenzale (non in abbinamento con il vaccino anti Covid-19) – prosegue la Nota – la prenotazione sarà possibile a partire dal 28 ottobre, su una piattaforma informatica dedicata, nel centro più vicino. L’offerta gratuita sarà garantita a tutti i soggetti previsti dalla circolare ministeriale dell’8 aprile 2021: over 65, persone fragili, donne in gravidanza e bambini da 6 mesi ai 6 anni”.

La Nota conclude sottolineando “che dalla metà di ottobre partirà comunque, in via prioritaria, la somministrazione del vaccino antinfluenzale presso gli ambulatori dei medici di medicina generale (Mmg) che aderiscono alla campagna, mediante l’organizzazione delle proprie agende e l’adesione dei propri pazienti”. 

Tutti i diritti riservati ©

2 Commenti

  • Willy ha detto:

    Non sanno più a chi appiopparli questi vaccini

  • Alberto ha detto:

    Essere sani ma presunti appestati da bandire dalla vita civile salvo medicalizzazione forzata credo sia la scelta più pericolosa che una comunità possa fare, non tanto per la supposta emergenza del momento ma per la devastante breccia che si apre.
    Niente, molti lo capiranno col tempo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente
L'associazione Ginetta Ferraguti propone lo spettacolo "Sole d'ottobre" portato in...