info@valseriananews.it
Valseriana News > News > Cronaca > Buono scuola, al via il bando regionale in supporto alle famiglie
Cronaca

Buono scuola, al via il bando regionale in supporto alle famiglie

Buono scuola, al via il bando regionale in supporto alle famiglie con figli iscritti dalle elementari alle scuole superiori

Da oggi, mercoledì 17 novembre, sarà possibile presentare la domanda per il ‘Buono scuola 2021-2022. “Anche quest’anno – spiega il presidente della Regione Lombardia – vogliamo essere concretamente vicini alle famiglie lombarde nel pagamento della retta di una scuola paritaria o pubblica. Per questo abbiamo stanziato 24 milioni di euro”. L’importo del Buono è parametrato alla fascia Isee e all’ordine e grado di scuola e va da un minimo di 300 a un massimo di 2.000 euro. Il Buono Scuola rappresenta una delle quattro componenti della Dote Scuola, l’insieme cioè delle misure con cui Regione Lombardia sostiene economicamente le famiglie e il percorso educativo dei giovani dai 3 ai 21 anni che frequentano corsi di istruzione e di formazione professionale.

Buono scuola, come presentare le domande

Le famiglie potranno presentare la domanda dalle ore 12 del 17 novembre fino alle ore 12 del 21 dicembre, esclusivamente sulla piattaforma online all’indirizzo www.bandi.regione.lombardia.it. Sulla piattaforma, a disposizione dei cittadini per la presentazione delle domande, anche il manuale utente, il tutorial e l’assistente virtuale ‘Dario’. La richiesta va presentata tramite dichiarazione in autocertificazione, non deve quindi essere allegata nessuna documentazione. Per la compilazione occorre autenticarsi al sistema utilizzando lo Spid, la Cns (Carta nazionale dei servizi) oppure la Cie (Carta d’identità elettronica).

Il Buono Scuola è rivolto agli studenti residenti in Lombardia, iscritti e frequentanti corsi di istruzione in scuole primarie e secondarie di primo e di secondo grado pubbliche e paritarie, che richiedono la retta di iscrizione. Gli istituti devono inoltre avere sede in Lombardia o nelle regioni confinanti, purché lo studente rientri quotidianamente nella propria residenza. Per usufruire della misura, lo studente non deve aver compiuto 21 anni al momento della compilazione della domanda. E’ necessario inoltre avere un Isee, in corso di validità, non superiore ai 40.000 euro.

Tutti i diritti riservati ©

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articolo precedente
Articolo precedente
La Pro Loco di Ardesio si prepara a festeggiare i...