info@valseriananews.it
Valseriana News > News > Cronaca > Profughi minorenni ucraini: fino a 100 euro pro capite al giorno per i comuni che li accolgono
Cronaca

Profughi minorenni ucraini: fino a 100 euro pro capite al giorno per i comuni che li accolgono

Profughi ucraini. Pergreffi: "Contributi fino a 100 euro ai Comuni per accoglienza, approvato emendamento al Senato"

“Abbiamo approvato questa notte nella seduta congiunta delle Commissioni Finanze e Commercio-industria al Senato un emendamento al decreto “taglia-prezzi” che dispone fondi ai Comuni che accolgono minori non accompagnati provenienti dall’Ucraina” dichiara la senatrice della Lega Simona Pergreffi firmataria dell’emendamento con il capogruppo della Lega in Senato Massimiliano Romeo.

“Si tratta di un rimborso dei costi che arriverà fino a 100 euro al giorno pro capite – spiega Pergreffi -. Il provvedimento rientra nelle misure assistenziali previste dallo stato di emergenza per il conflitto in corso in Ucraina e vede uno stanziamento di circa 58 milioni di euro”.

“La Lega – continua la senatrice – ha sostenuto con forza l’accoglienza dei profughi ucraini nel nostro Paese in conseguenza della guerra, ma soprattutto si è assicurata che agli stessi Comuni che avevano aperto all’accoglienza dei minori, come è accaduto nella nostra provincia a Rota Imagna e in altre realtà, venissero corrisposti dei rimborsi da parte dello Stato. Abbiamo cercato di andare incontro a queste esigenze e di non lasciare soli i sindaci che si sono trovati a fronteggiare questa ondata di profughi. Rota Imagna, con soli 900 abitanti, si è trovata a dover assistere un centinaio di bambini fuggiti dalla guerra, ospitandoli in hotel a spese dell’amministrazione comunale. Non potevamo abbandonare i sindaci in questo momento così difficile”.

Un Commento

  • Alberto ha detto:

    3000 euro al mese per bambino: è il costo che stimano abbia il mantenimento di un figlio in Italia a fronte di assegni familiari ridicoli da 2 o 300 euro mensili?
    Sempre coerenti, questi governanti…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articolo precedente
Articolo precedente
Casnigo: una mostra e uno spettacolo teatrale, per dire no...