info@valseriananews.it
Valseriana News > News > Cronaca > Festeggiato oggi il 208esimo anno di fondazione dell’Arma dei Carabinieri
Cronaca Bergamo

Festeggiato oggi il 208esimo anno di fondazione dell’Arma dei Carabinieri

Festeggiato oggi il 208esimo anno di fondazione dell'Arma dei Carabinieri. Nel dettaglio l'Attività operativa dell’Arma nella Provincia di Bergamo

Dopo due anni di forzata limitazione per i noti motivi legati all’emergenza Covid, oggi 6 giugno 2022 si è svolta, presso la sede del Comando Provinciale di Bergamo, la 208esima Festa dell’Arma dei Carabinieri, aperta alle Autorità ed al pubblico come da tradizione pre-pandemica.

Il Comandante Provinciale, Col. t.SFP Alessandro Nervi, ha accolto il Sig. Prefetto di Bergamo, Dott Enrico Ricci e le altre Autorità civili, militari e religiose, unitamente ad una Compagnia di Formazione composta da un Plotone di militari in Grande Uniforme Storica, un Plotone di Comandanti di Stazioni della Provincia, un Plotone di militari con le uniformi di specialità ovvero appartenenti a Reparti Speciali dell’Arma presenti in provincia (Elicotteristi, Ispettorato del lavoro, Forestali, Sciatori, Cinofili, Servizio Navale) con i rispettivi mezzi in dotazione.

Al di là delle statistiche, si può sostanzialmente affermare che l’Arma di Bergamo ha ottenuto rilevanti risultati nell’attività preventiva che ha consentito di garantire buoni livelli di sicurezza percepita grazie anche al contrasto alla criminalità diffusa, particolare attenzione è stata data anche alle infiltrazioni di quella organizzata nel tessuto imprenditoriale, monitorando persone e attività economiche per le quali è forte l’interesse delle organizzazioni mafiose soprattutto in quest’ultimo periodo, dove il pericolo di reinvestimento di ingenti capitali provenienti da attività illecite è molto alto.

Grande attenzione è stata rivolta alla “violenza di genere”, ovvero verso quella serie di odiosi reati che vedono vittime soprattutto le donne. L’Arma, nel campo specifico, ha operato in sinergia con le 5 reti interistituzionali antiviolenza incidenti nel territorio che racchiudono al loro interno tutti gli organi preposti alla tutela delle vittime, prevedendo al suo interno personale appositamente formato al fine di poter consentire un a virtuosa rete di collegamento interistituzionale. Come si vedrà quindi dalla statistica che segue inerente il c.d. “Codice rosso”, che testimonia purtroppo un apprezzamento che si riflette annualmente, l’impegno è stato importante e sostanziale:

  • Maltrattamenti in famiglia: nr.339 di cui 273 scoperti, 254 con vittime di sesso femminile;
  • Costrizione o induzione al matrimonio: nr. 1 scoperto con vittima di sesso femminile;
  • Lesioni personali: nr.864 reati per i quali si procedeva all’arresto in 25 casi ed in altri 546 si procedeva al deferimento in stato di libertà;
  • Violenza sessuale: nr.76 reati per i quali si procedeva all’arresto in 2 casi ed in altri 46 si procedeva al deferimento in stato di libertà;
  • Atti sessuali con minorenne: nr.8, tuti di sesso femminile, di cui 5 scoperti;
  • Corruzione di minorenne: nr.2 di cui 1 scoperto;
  • Atti persecutori: nr.161 di cui 115 scoperti, 95 con vittime di sesso femminile;

A questi numeri, che indicano comunque una lieve regressione rispetto l’anno scorso, si aggiunge purtroppo il femminicidio avvenuto a Fara Gera d’Adda il 20 aprile di quest’anno.

La lotta alla droga, causa di disagio sociale, è stato poi uno dei target al pari dei reati predatori, avuto riguardo al loro impatto sulla percezione generale della sicurezza.

Particolare impegno è stato posto anche nella tutela ambientale ed al contrasto delle varie forme di inquinamento, grazie alla costante sinergia tra l’Arma territoriale di Bergamo e le componenti forestale e ambientale, comparti di specialità assegnati all’Arma nell’ambito del coordinamento con le altre FF.PP..

Nel dettaglio:

Attività operativa dell’Arma nella Provincia di Bergamo

  • Delitti totali: nr. 33256 di cui per nr.31033 ha proceduto l’Arma (93,32%);
  • Chiamate pervenute al 112: nr.60873;
  • Persone arrestate: nr.750;
  • Persone deferite in stato di libertà: nr.7201
  • Omicidi: nr.5 consumati e nr.7 tentati;
  • Furti: nr.13027 di cui nr.2529 in abitazione e nr.1099 in esercizi commerciali;
  • Truffe: nr.3930;
  • Rapine: nr.344 di cui nr.29 in abitazione e nr.29 in esercizi commerciali;
  • Riciclaggio: nr.9;
  • Sostanze stupefacenti sequestrate: Kg.82,197 di Cocaina, Kg.86,5 di Hashish, Kg. 29,110 di Marijuana, Kg.3,259 di Eroina, nr.7 piante di cannabis e Kg.13,981 di altre sostanze stupefacenti varie.

Particolari operazioni dei reparti dipendenti nel corso dell’anno

I Carabinieri della Compagnia di Bergamo nel novembre scorso hanno sottoposto a fermo di indiziato di delitto due soggetti, originari dell’est Europa, dediti alle truffe dei c.d. “finti tecnici del gas o dei finti Carabinieri” che si erano resi responsabilididue truffe in abitazione commesse a Gorle e Scanzorosciate asportando monili in oro e contanti. I due sono stati trovati in possesso di un vero e proprio kit del truffatore, costituito da walkie talkie, cartoncini riportati la scritta Carabinieri utilizzati come tesserini, guanti, arnesi da scasso, targhe clonate e abbigliamento riportante il logo dell’Arma.Importante è stata l’opera di prevenzione svolta in materia presso i centri di aggregazione e le parrocchie e rivolta soprattutto agli anziani. In occasione degli incontri sono stati distribuiti dei volantini pratici, ricchi di consigli utili a smascherare i truffatori.

Il giorno 1° febbraio 2022, al termine di articolata attività investigativa denominata “Fontanella 2019” condotta dal Nucleo Investigativo nei confronti di un gruppo criminale dedito al traffico di ingenti quantitativi di sostanze stupefacenti, venivano eseguite 18 ordinanze di custodia cautelare. Contestualmente venivano deferiti in stato di libertà altri 26 soggetti. Nel corso delle indagini, durante le quali venivano tratti in arresto anche 5 corrieri, venivano sequestrati beni e sostanze stupefacenti per un valore superiore ai 3 milioni di euro di cui oltre 300.000 in contanti, Kg.28 di Cocaina e Kg.36 di hashish.

Il 3 febbraio 2022, nel corso di un intervento finalizzato alla repressione di un’attività di spaccio di sostanze stupefacenti in località Saletti di Nembro (BG), due Carabinieri della Stazione di Albino venivano accoltellati, riportando gravissime lesioni che li ponevano in pericolo di vita, da un pregiudicato marocchino residente a Pradalunga. Al termine di specifica attività di indagine e di incessanti ricerche concentratesi dapprima in questa Provincia e quindi fuori Regione, il successivo 6 febbraio, in prossimità del confine di Stato di Bardonecchia (TO), i militari del Nucleo Investigativo rintracciavano e sottoponevano a fermo l’autore dell’efferato delitto, assicurandolo alla giustizia prima che potesse espatriare e rendersi definitivamente irreperibile.

A marzo, da parte della Compagnia di Bergamo, è stata eseguita una misura cautelare nei confronti di 3 persone, originarie di questa Provincia, responsabili di rapina a mano armata e furto aggravato presso un tabaccaio ed un bar di Stezzano, nella circostanza venivano asportati 2.000 euro.

Ad aprile, ancora dalla Compagnia di Bergamo, è stata eseguita una misura cautelare nei confronti di 3 soggetti, di cui 1 residente in provincia e 2 residenti nel comasco, autori di una rapina a mano armata commessa presso l’ufficio postale di Castelli Calepio per un importo di 1000 euro.

Nel corso della nottata del 20 aprile 2022, i Carabinieri della Compagnia di Treviglio hanno tratto in arresto un italiano di 49 anni ritenuto responsabile dell’omicidio aggravato della propria compagna, annegata nella tarda serata precedente nelle acque di un tratto del fiume Adda che scorre nel territorio del comune di Fara Gera.

Ricevuto l’allarme da alcuni testimoni di ciò che inizialmente sembrava un incidente stradale, i militari rinvenivano il corpo senza vita della donna annegata ed attivavano le ricerche del compagno che si era dileguato dopo aver raggiunto a nuoto la sponda opposta del corso d’acqua. L’uomo, che aveva agito per gelosia una volta messo di fronte alla fine della relazione, veniva quindi rintracciato ed arrestato nel comune di Vaprio d’Adda (MI).

Sempre il 20 aprile, nella tarda serata, veniva rinvenuto il cadavere dell’imprenditore CAMPA Anselmo, assalito con un corpo contundente all’interno della sua abitazione. A seguito di serrate indagini condotte dai militari del Nucleo Investigativo e della Compagnia di Bergamo, il 24 aprile veniva sottoposto a fermo di indiziato di delitto l’ex fidanzato della figlia maggiore della vittima il quale, a seguito di un litigio avuto per futili motivi legati a pretese di carattere economico, aveva ripetutamente colpito al capo CAMPA con un martello.

La mattina del 22 aprile scorso, tra Cortenuova (BG) e Palazzolo sull’Oglio (BS), i militari della Compagnia di Treviglio hanno tratto in arresto 4 persone resesi responsabili di sequestro di persona, rapina e lesioni aggravate, reati commessi tra il 16 e 17 marzo precedente, a Romano di Lombardia, ai danni di due cittadini marocchini, una donna di 35 anni ed un uomo di 21.

Le ragioni che avrebbero determinato il sequestro delle vittime, punite, legate e seviziate dai sequestratori per quasi un giorno intero, erano riconducibili alla richiesta estorsiva di 16.000 euro, oggetto di un pregresso contenzioso di probabile natura illecita.

Nell’ambito delle attività finalizzate al contrasto della commercializzazione illegale dell’avorio, il Nucleo Carabinieri CITES del Gruppo Forestale di Bergamo, nel mese maggio 2022, ha eseguito un ingente sequestro di oggetti in avorio (statue, statuette, monili e zanne grezze) con un valore complessivo stimato in circa 100.000 euro trovate nel possesso di un italiano.

Gli oltre 400 oggetti rinvenuti in una soffitta erano detenuti in assenza della documentazione prevista dalla convenzione internazionale CITES, senza la quale il possesso, l’acquisizione o la cessione costituisce specifico reato.

Tale attività si inserisce nell’importante settore di competenza dei Carabinieri Forestali improntato alla tutela dell’ambiente a 360°.

Infine verranno premiati con Encomi concessi dal Comandante Generale, dal Comandante Interregionale “Pastrengo” e dal Comandante della Legione “Lombardia”, numerosi militari dei reparti dipendenti distintosi per particolari attività che hanno riguardato operazioni legate ad indagini ed attività di P.G. ed atti di valore quali il salvataggio di persone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articolo precedente
Articolo precedente
Nuova edizione di News Today, il telegiornale settimanale di Valseriana...