info@valseriananews.it
Valseriana News > News > Cronaca > Legionellosi: individuate fonti infette in alta Valle Seriana, allarme rientrato
Cronaca Clusone

Legionellosi: individuate fonti infette in alta Valle Seriana, allarme rientrato

Sono 4 le fonti in cui è stata riscontrata la presenza di legionella in alta Valle Seriana. Dopo più di 2 settimane senza nuovi casi l'allarme può dirsi rientrato

In riferimento al riscontro di casi di legionellosi nel comprensorio del Comune di Clusone ed altri comuni limitrofi (Ardesio, Cerete, Fino del Monte, Gazzaniga, Onore, Rovetta e Vertova) ATS Bergamo informa che, ad oggi, il numero di casi coinvolti è di 19 soggetti.  

Legionella in 4 fonti

Gli Operatori del Dipartimento di Igiene e Prevenzione Sanitaria (DIPS) di ATS Bergamo hanno eseguito campionamenti di acqua distribuita in tutte le abitazioni dei casi segnalati nonché di altre fonti potenzialmente considerabili come punto di esposizione alla malattia come fontane pubbliche, grandi impianti di trattamento aria presente negli esercizi commerciali della zona, impianti natatori e sportivi.  

Questa attività ha permesso di individuare alcune fonti in cui è stata riscontrata la presenza di Legionella pneumophila, sia in ambienti domestici (2), sia in strutture dotate di impianti di condizionamento/trattamento dell’aria (2).  A seguito di tale riscontro sono stati adottati provvedimenti per eliminare le fonti della possibile esposizione.  

Allarme rientrato

Considerato che al momento sono più di 2 settimane che non vengono registrati nuovi casi, si ritiene che le indagini e le azioni adottate possano ritenersi corrette e capaci di limitare il perdurare della situazione epidemica. Stante le caratteristiche del patogeno responsabile del cluster epidemico osservato il livello di attenzione delle strutture sanitarie di diagnosi e cura rimane alto. Il conseguimento di questi risultati è stato possibile grazie alla stretta collaborazione intercorsa tra ATS, ASST Bergamo Est, Comuni, Regione Lombardia e Istituto Superiore di Sanità.  

Tutti i diritti riservati ©

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articolo precedente
Articolo precedente
Devozione, tradizione e musica leggera: Casnigo in festa per la...