info@valseriananews.it
Valseriana News > News > Cronaca > Val Seriana: alla scoperta dei luoghi perduti
Cronaca

Val Seriana: alla scoperta dei luoghi perduti

Presentato in conferenza stampa il progetto di Comunità Montana Valle Seriana "Ritroviamoci in Valseriana alla scoperta dei luoghi perduti"

Raccontare la Valseriana da diverse angolature, valorizzando il patrimonio per riscoprire luoghi poco noti in una veste completamente rinnovata, e cioè come suggestivi contenitori di iniziative apparentemente distanti dalle caratteristiche del luogo stesso. È il concept alla base di Ritroviamoci in ValSeriana – Alla scoperta dei luoghi perduti, il progetto di Comunità Montana Valle Seriana finanziato da Regione Lombardia nell’ambito di Lombardia Attrattiva 2021, presentato oggi a Clusone.

Diversi i comuni coinvolti

Con il coinvolgimento dei comuni di Ardesio, Clusone, Gandino, Gorno, Onore, dell’Unione Comuni della Presolana, del Parco delle Orobie Bergamasche e il coordinamento di Promoserio, il progetto è l’unione di progettualità già esistenti e nuove iniziative che si inseriscono in una strategia più ampia e articolata di valorizzazione del territorio a un doppio livello: aumentare il senso di appartenenza di coloro che lo abitano e lo conoscono e renderlo sempre più attrattivo agli occhi del turista.

luoghi della Valle diventano così sede di Festival, come il Festival Onore e Cultura (a luglio 2022) e di spettacoli teatrali, performance e proiezioni cinematografiche (Una miniera di storie – Rassegna Cinematografica di Gorno, dal 24 agosto al 9 settembre), in grado di valorizzare la cultura popolare che li caratterizza.

I sentieri di montagna, conosciuti e frequentati solo quali luoghi di transito, diventano invece itinerari lungo i quali si sviluppano percorsi letterari come Segnali di Cultura e di poesia geografica che metaforicamente si legano in un’ideale unione tra benessere fisico e interiore, in una salita che diventa anche accrescimento culturale (I Cammini con Davide Sapienza – Praticare il paesaggio camminando la poesia geografica, dal 25 agosto al 9 settembre).

Il territorio diventa sede di iniziative esperienziali

“Questo progetto culturale è un esempio di come il turismo possa essere utilizzato come viatico per diffondere storie, tradizioni, impegno, scelte di vita e visioni per il futuro – commenta Giampiero Calegari, Presidente della Comunità Montana Valle Seriana – È un modo per valorizzare la bellezza della nostra valle, facendone conoscere le peculiarità attraverso gli occhi e la sensibilità di diverse espressioni artistiche. Un modo originale per accrescere al tempo stesso la qualità della nostra offerta turistica.”

Il progetto non vuole solo invitare a leggere un territorio sotto nuovi punti di vista, ma favorire sul lungo periodo un’educazione al vedere, all’osservare e a riflettere sul valore del vivere in montagna e sulle sfide, anche turistiche di questi territori. Frutto della positiva cooperazione tra tutte le istituzioni del territorio, professionisti ed esperti del settore culturale, Ritroviamoci in ValSeriana è supportato da un piano di comunicazione integrato offline e online, landing page, campagne pubblicitarie digital, social e offline. Contenuti valorizzati anche da  video dedicati ai sentieri letterari, con narrazione di Davide Sapienza.

Cacciamali Ardesio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente
E' l'alpinista Dino Pagliani di Casazza il 52enne che ieri...