Seguici su

Cronaca

Alfredo Zenucchi ha confessato: “Dovevamo morire insieme”

Alfredo Zenucchi, 57 anni bergamasco originario di Peia, marito di Rossella Cominotti, 53 anni, ha confessato

Pubblicato

il

Alfredo Zenucchi, 57 anni bergamasco originario di Peia, marito di Rossella Cominotti, 53 anni, la donna trovata morta ieri mattina in un albergo di Mattarana, nello spezzino, ha confessato. L’uomo, che si era allontanato con la sua auto, una C3 bianca, è stato bloccato a Pontremoli e ha confessato l’uxoricidio. L’arma utilizzata è un rasoio, sequestrato dai carabinieri.

Alfredo Zenucchi: la confessione

“Volevamo morire insieme: il progetto era questo. Doveva essere un omicidio-suicidio, ma non sono riuscito a togliermi la vita”, ha confessato Zenucchi nel corso dell’interrogatorio. L’uomo, dopo essere stato bloccato, è stato interrogato e ora la procura ha emesso nei suoi confronti un decreto di fermo.

L’auto sarebbe stata avvistata stamani sulla via Aurelia. La coppia è di Cremona. Stando alle prime informazioni, a trovare il corpo è stato il personale che avrebbe dovuto riordinare la stanza.

Scavando nel passato di Zenucchi, quando ancora si trovava in bergamasca, si apprende che l’uomo avrebbe già avuto problemi con la giustizia legati ad altri atti violenti.

I parenti di Rossella Cominotti avevano postato su Facebook una richiesta di aiuto. “Stiamo cercando Rossella – hanno scritto – mancano da casa lei e il marito da ormai 12 giorni. Vive a Bonemerse. I telefoni non ricevono più nemmeno whatsapp e chiamate. Condividete soprattutto nella zona di Cremona. Grazie a chi ci darà una mano a ritrovarli. Le forze dell’ordine stanno già lavorando per questo. In famiglia c’è molta paura. Grazie a tutti”.

Continua a leggere le notizie di Valseriana News e segui la nostra pagina Facebook

Clicca per commentare

Tu cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *