Seguici su

Cronaca

Uccide a coltellate la convivente, arrestato 45enne nigeriano

Uccide a coltellate la convivente 49enne a Cologno al Serio, arrestato 45enne nigeriano

Pubblicato

il

Auto dei Carabinieri
Auto dei Carabinieri

COLOGNO AL SERIO – Nel pomeriggio di ieri giovedì 28 marzo i Carabinieri della Sezione Radiomobile del NOR della Compagnia Carabinieri di Treviglio, sono intervenuti a seguito di una richiesta che segnalava una violenta lite in un’abitazione a Cologno al Serio. Giunti sul posto, i militari hanno tratto in arresto un uomo nigeriano 45enne, che ha ferito mortalmente, con diverse coltellate al torace inferte con un coltello da cucina, la convivente O.J., nigeriana del 49enne, all’interno del monolocale dove vivevano.

Un episodio di violenza già nel 2013

Nel 2013 l’indagato si era reso responsabile di lesioni aggravate cagionate alla donna e nella circostanza l’aveva anche minacciata con un coltello: nel corso delle indagini successive il soggetto era risultato affetto da problemi psichici che ne avevano reso necessario il Trattamento Sanitario Obbligatorio e dal 2014 risultava in cura presso diversi CPS della zona.

Recentemente, a seguito della perdita del lavoro nel mese di dicembre 2023, aveva iniziato ad avere nuovamente dei comportamenti strani che avevano causato delle liti tra lui e la convivente, la quale in due occasioni aveva anche richiesto l’intervento delle Forze dell’Ordine, senza tuttavia formalizzare querele nei confronti del compagno e senza evidenziare delle situazioni tali da configurare l’applicazione del “codice rosso”. Il 26 marzo l’indagato era stato invitato presso un CPS della zona, dove si era recato accompagnato dalla convivente per affrontare i problemi psichiatrici che aveva evidenziato recentemente.

Il 45enne è stato trasportato nella serata presso il carcere di Bergamo in attesa dell’interrogatorio di convalida da parte del Giudice per le Indagini Preliminari.

Continua a leggere le notizie di Valseriana News e segui la nostra pagina Facebook

Clicca per commentare

Tu cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *