paoliniUno spettacolo che riunisce due protagonisti del teatro italiano, artefici della lunga e felice stagione del teatro di narrazione, che ha dato vita a uno spettacolo che ha fatto scuola: Il racconto del Vajont. Hamlet in Jerusalem è un progetto di Gabriele Vacis e Marco Paolini che ha radici molto lontane, così come la loro amicizia e collaborazione artistica.

Un’idea che nasce nel 2008 a Gerusalemme, al Palestinian National Theatre di Gerusalemme Est, sotto l’egida del Ministero degli Affari Esteri Italiano e della Cooperazione per lo Sviluppo: una scuola di recitazione per ragazzi palestinesi, allievi la cui voglia di lavorare in teatro è più forte delle difficoltà di attraversare ogni giorno check point e pregiudizi sociali.

Gabriele Vacis ha letto in Amleto la fragilità e la potenza della gioventù:

«Amleto è la contraddizione di una grande missione imposta a un animo che non è all’altezza di compierla. Il destino pianta nel cuore di Amleto una quercia, ma il cuore di Amleto è un vaso prezioso che doveva accogliere fiori delicati. Le radici della quercia crescono e il vaso si spezza, Amleto è una creatura nobile, ma non ha la forza dell’eroe, non vuole essere un eroe! Invece deve portare un peso che non può né reggere né respingere, perché gliel’ha addossato suo padre».

dal 19 Aprile 2016 al 24 Aprile 2016

da martedì a sabato ore 20.30 – domenica ore 15.30

AMLETO A GERUSALEMME – PALESTINIAN KIDS WANT TO SEE THE SEA

Teatro Donizettidi Gabriele Vacis e Marco Paolini

regia Gabriele Vacis – scenofonia, luminismi, stile Roberto Tarasco

video e foto di scena Indyca

con Marco Paolini

e con Alaa Abu Gharbieh, Anwar Odeh, Bahaa Sous, Giuseppe Fabris, Ivan Azazian, Khaled Elsadat, Matteo Volpengo, Mohammad Basha, Nidal Jouba

produzione Fondazione del Teatro Stabile di Torino/Teatro Nazionale

PROGETTO INTERNAZIONALE

Tutti i diritti riservati ©

Articoli correlati

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.