Bosatelli sale in 9° posizione e si appresta a concludere gli ultimi km della maratona invernale Montane Spine Race.

Bosatelli e Criado

Leggi l’aggiornamento sull’arrivo cliccando qui.

Dovrebbe concludersi oggi, venerdì 19 gennaio, l’impresa invernale del runner di Gandino Oliviero Bosatelli protagonista indiscusso dell’ultra maratona inglese “Montane Spine Race”.

Bosatelli, partito svantaggiato per un ginocchio infortunato, si appresta a concludere le ultime decine di km dei 429 totali che separano Edale, il villaggio della contea inglese del Derbyshire facente parte del parco nazionale del Peak District (nei pressi di Manchester) da dove è partita la gara domenica mattina, dal piccolo centro di Kirk Yetholm al confine con la Scozia.

Unico italiano in gara Oliviero, già vincitore dell’Orobie Ultra Trail e del Tor des Geants 2016, ha affrontato il massacrante tracciato in compagnia dello spagnolo Pablo Criado, rimontando dalla 15° alla 9° posizione. Un piazzamento, che se confermato, non farebbe altro che ribadire la eccezionali doti dell’atleta della Val Seriana.

La Montane Spine Race è infatti una corsa in montagna riconosciuta come il trail più impegnativo del Regno Unito dove si corre attraverso condizioni meteorologiche estreme tra pioggia, neve, ghiaccio, fango, paludi e forti venti senza riposarsi quasi mai.

Il tracciato percorre la Pennine Way, la Spina d’orsale dell’Inghilterra che attraversa alcune delle più belle, affascinanti e a volte difficili e impegnativi terreni, tra cui: Peak District, Cheviots, Yorkshire Dales, Parco nazionale di Northumberland, Scottish Borders.

Nel pomeriggio di giovedì i due atleti si apprestavano ad attraversare il Vallo di Adriano, la zona dove sorgeva la fortificazione in pietra fatta costruire dall’imperatore romano Adriano, che segnava il confine tra la provincia romana occupata della Britannia e la Caledonia e che oggi viene ancor talvolta usato per indicare il confine tra Scozia e Inghilterra, anche se il muro non segue il confine attuale.

Nella stessa serata, con l’arrivo dei primi corridori, il podio di quest’edizione è stato così composto: al primo posto Pavel Paloncy con uno straordinario tempo di 109:50:22, al secondo posto Simon Gfeller e al terzo posto John Knapp.

Tutti i diritti riservati ©

Articoli correlati

Leave a Reply

Your email address will not be published.