info@valseriananews.it
Valseriana News > News > Cronaca > Smartphone alla guida, stangata in vista
Cronaca

Smartphone alla guida, stangata in vista

Codice della strada, stangata per chi guida con smartphone: 1.700 euro di multa e sospensione patente per tre mesi. Si inaspriscono le sanzioni e i provvedimenti nei confronti di chi utilizza lo smartphone alla guida. La Camera ha in serbo delle modiche al Codice della strada che prevedono innanzitutto 1.700 euro di multa e sospensione […]

Codice della strada, stangata per chi guida con smartphone: 1.700 euro di multa e sospensione patente per tre mesi.

Si inaspriscono le sanzioni e i provvedimenti nei confronti di chi utilizza lo smartphone alla guida.

La Camera ha in serbo delle modiche al Codice della strada che prevedono innanzitutto 1.700 euro di multa e sospensione patente per tre mesi per chi guida col telefono in mano.

Le modifiche introdotte

La sanzione in caso di smartphone alla guida nello specifico va da 422 fino a a 1.697 euro. E per chi è recidivo è prevista la sospensione della patente fino a tre mesi.

Viene poi introdotto l’obbligo di cinture di sicurezza per gli scuolabus, a partire dal 2024, e la distanza di sicurezza laterale di 1,5 metri quando si supera una bicicletta.

Contenute nel testo inoltre alcune misure pensate per la sicurezza stradale nelle città, per esempio l’istituzione da parte dei Comuni delle Zone scolastiche. Si tratta di strade intorno alle scuole in cui limitare la velocità a 30 chilometri orari, almeno durante gli orari di entrata ed uscita. Previsti anche attraversamenti pedonali rialzati ad altezza marciapiede, con conseguente rallentamento delle auto.

Si spera che le nuove norme risolvano il problema che causa ogni giorno incidenti. “C’è una sensazione di frustrazione – dice la vicepresidente della Commissione Deborah Bergamini (Fi) -. Sulla carta ci sono già tutte le sanzioni e le fattispecie, eppure non si riesce a far diminuire questi episodi”. Bergamini chiede inoltre di “investire in campagne di  sensibilizzazione, perché non si può imporre per legge di tenere alla propria vita”.

Tutti i diritti riservati ©

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente
Articolo precedente
Rapinatore sosia dell'attore e regista Checco Zalone condannato a 11...

Iscriviti alla news letter

You have Successfully Subscribed!