info@valseriananews.it
Valseriana News > News > Cronaca > Manutenzioni strade provinciali, 12 milioni a Bergamo
Cronaca Bergamo

Manutenzioni strade provinciali, 12 milioni a Bergamo

Per le manutenzioni delle strade provinciali di tutta Italia nel quinquennio 2020 - 2024 12 milioni sono messi a bilancio per la provincia di Bergamo.

Per le manutenzioni delle strade provinciali di tutta Italia nel quinquennio 2020 – 2024 sono stati assegnati dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti 995 milioni di euro. 12 sono quelli messi a bilancio per la provincia di Bergamo.

La Lombardia risulta essere la Regione che beneficerà maggiormente dello stanziamento del Ministero dei Trasporti.

A renderlo noto nei giorni scorsi la ministra Paola De Micheli, commentando il Decreto “Finanziamento degli interventi relativi a programmi straordinari di manutenzione delle rete viaria di Province e Città Metropolitane”. Il Decreto verrà firmato a breve, a seguito dell’intesa raggiunta in sede di Conferenza Stato-Città ed autonomie locali.

Dal Ministero un miliardo per la manutenzione delle strade provinciali

“In meno di due mesi di lavoro dall’approvazione del Bilancio – detto la Ministra – siamo riusciti a sbloccare e ripartire risorse per 995 milioni di euro. I fondi serviranno per finanziare nel quinquennio 2020-2024 programmi straordinari di manutenzione delle strade provinciali italiane. Le risorse saranno messe a disposizione delle province e delle città metropolitane che ne faranno richiesta”.

Il decreto contiene, ad esempio, 21milioni di euro solo per la città metropolitana di Milano, 33 milioni per Roma, 16 milioni per Palermo. Fondi che si tradurranno, in linea generale e in tutte le regioni, in maggiore sicurezza e vivibilità per i cittadini.

Il decreto ripartisce 60 milioni di euro di risorse per il 2020, 110 milioni di euro per il 2021 e 275 milioni di euro dal 2022 al 2024. Al Nord-Italia sono destinate circa il 39,70% delle risorse, al Centro il 21,60% e al Sud e alle Isole il 38,70%.

I finanziamenti sono erogati sulla base della consistenza della rete viaria, del tasso di incidentalità e della vulnerabilità dei singoli territori rispetto a fenomeni di dissesto idrogeologico.

Province e Città dovranno presentare programmi di intervento

“Province e Città Metropolitane dovranno presentare programmi di intervento – conclude la Ministra – per opere già esistenti. Dovranno inoltre recare concreti benefici in termini di sicurezza, di riduzione del rischio e di qualità della circolazione ai cittadini. Dunque, verranno interessati ponti, pavimentazioni stradali, viadotti, manufatti, gallerie, dispositivi di ritenuta, sistemi di smaltimento acque, segnaletica, illuminazione stradale, sistemi di info-mobilità“.

Si tratta certamente di una notizia positiva anche per la Val Seriana dove le strade provinciali necessitano di consistenti interventi di manutenzione e dove la viabilità risulta spesso paralizzata per l’esistenza di infrastrutture anacronistiche rispetto al presente.

Consulta qui gli stanziamenti nel dettaglio.

Tutti i diritti riservati ©

Un Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articolo precedente
Articolo precedente
Le previsioni meteo di inizio settimana: lunedì perturbato, migliora dalla...