info@valseriananews.it
Valseriana News > News > Cronaca > Il sindaco di Castione chiede la zona rossa per la provincia di Bergamo
Cronaca Val Seriana

Il sindaco di Castione chiede la zona rossa per la provincia di Bergamo

Il sindaco di Castione chiede la zona rossa per la provincia di Bergamo. Il suo è un grido d'aiuto estremo.

E’ trascorso un mese da quando il Coronavirus ha devastato il nord Italia. Prima a Lodi, poi in Veneto, poi in provincia di Bergamo dove a subìre i danni peggiori in termini di contagi e di morti è la Val Seriana.

Abbiamo documentato nel passare del tempo la vicenda legata all’istituzione della zona rossa (mai arrivata), ripresa anche oggi con questo articolo: https://www.valseriananews.it/2020/03/20/fondi-zona-rossa-perche-la-bassa-val-seriana-no-lanalisi/ .

Ad esprimersi in serata, quasi con un grido d’aiuto estremo, il sindaco di Castione della Presolana Angelo Migliorati che in un documento chiede l’istituzione della zona rossa in tutta la provincia di Bergamo. A suo avviso infatti le restrizioni prese non sono sufficienti e si sono dimostrate inadeguate di fronte al dilagare del virus e all’emergenza che i sindaci si trovano ad affrontare ogni giorno.

Il documento è indirizzato al Presidente del Consiglio dei Ministro, ai Parlamentari bergamaschi, al Presidente di Regione Lombardia e ai consiglieri regionali bergamaschi. Nella partita della zona rossa insomma nessuno è escluso.

Tutti i diritti riservati ©

3 Commenti

  • Tom ha detto:

    Qui ormai tutti chiedono qualcosa, é un fiume in piena; vedremo poi, quanto gli argini resisteranno.

  • Andrea ha detto:

    E se l’istituzione di una zona rossa non dovesse dare i suoi effetti cosa si inventeranno?

  • Sara ha detto:

    Va bene che tutti devono guadagnare per vivere, ma il sito è diventato innavigabile, non si riesce a leggere niente, avete messo troppi banner, in questa emergenza voi siete la voce più importante nella nostra valle ed è un peccato vedere tutta questa pubblicità, scusate lo sfogo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articolo precedente
Articolo precedente
In Val di Scalve l'esercito e i volontari lavorano a...