info@valseriananews.it
Valseriana News > News > Cronaca > Consigliere Anelli :”Ministro Boccia faccia la cosa giusta si dimetta”
Cronaca

Consigliere Anelli :”Ministro Boccia faccia la cosa giusta si dimetta”

La richiesta di Roberto Anelli consigliere regionale Lega di Alzano Lombardo: "Ministro Boccia faccia la cosa giusta si dimetta".

Continua la diatriba fra Regione Lombardia e il Governo per la gestione dell’emergenza Coronavirus. Oggi a gran voce il Consigliere Regionale Lega di Alzano Lombardo Roberto Anelli ha chiesto le dimissioni del Ministro Boccia.

“Prima lo show con la mascherina poi le accuse alla Lombardia di aver sbagliato ad emanare l’ordinanza in quanto avrebbe dovuto aspettare le misure adottate dal Governo. Il ministro Boccia non è solo privo di ritegno, ma la sua inadeguatezza ha superato ogni limite. Le dimissioni sono l’unico gesto sensato che potrebbe fare in questo momento” – ha dichiarato Roberto Anelli, capogruppo della Lega al Pirellone.

“In queste ore così difficili e drammatiche per la nostra Regione, i gesti e le parole del ministro Boccia sono talmente offensive e fuori luogo da non essere più tollerabili”.

“L’ordinanza di Regione Lombardia è più restrittiva rispetto al decreto del Governo e fa bene il governatore Fontana a difenderne contenuti e applicazione. Ne va della salute e della vita dei nostri cittadini”.

Tutti i diritti riservati ©

15 Commenti

  • Martino ha detto:

    Ora non si deve dimettere nessuno, tutti devono rimanere al loro posto, testa bassa e lavorare! Ma quando tutto sarà risolto i quattro maggiori responsabili di questo MEGA DISASTRO, Conte, Speranza, Borrelli e Brusaferro hanno l’OBBLIGO morale di chiedere scusa al paese e agli Italiani, presentare le dimissioni e ritirarsi dalla politica e/o incarichi istituzionali!!!

    • Carmen ha detto:

      E fontana che per ragioni economiche non ha delimitato in tempo la zona rossa do alzano sperando che la responsabilità istituzionale se la prendesse il governo?

  • Vescovi Carlo ha detto:

    I responsabili di tutto ciò che è successo per negligenza loro all ospedale di Alzano Lombardo (Bg), chiunque essi siano devono andare in prima linea ora, ad assistere i malati e comporre le salme di chi non c’è l ha fatta, e risarcire di tasca propria il danno economico arrecato

    • Lex ha detto:

      Poi io però, sentirei anche il consolato Cinese.
      Anche loro hanno parecchio da farsi perdonare!

    • Cristiano ha detto:

      Chi a preso la decisione di riaprire l’ospedale risponderà del suo operato, ma dovrà anche dire chi lo ha obbligato a riaprire tutto.( io un forte sospetto ce l’ho)

  • Renato ha detto:

    Anelli chi???
    È meglio stare uniti e lasciare perdere
    ogni polemica che non porta a niente.

  • Gloria ha detto:

    Buongiorno in alta valle ci sono cali di elettricità che durano pochissimi istanti. Dobbiamo preoccuparci?

  • Walter ha detto:

    Quello che aveva una rivendita auto multimarche. Ora invece…

  • Cristiano ha detto:

    Signori ci sono aziende che hanno messo un operaio per produrre mascherine oppure si sono messe a fare detergenti per le mani per poter tenere aperte le loro produzioni, sono aperte stamperie, aziende tessili e moltissime altre quando lo sanno tutti che non sono essenziali.

  • mariorenato ha detto:

    è quello che si vede e si sente…in questi momenti critici.è una vergogna che ci sia gente poca seria

  • Cristiano ha detto:

    Comunque per non istituire una zona rossa e salvaguardare 1 miliardo di fatturato oggi abbiamo un danno mensile di 100 miliardi. Fuori i resposabili devono pagare.

  • Cristiano ha detto:

    Finalmente da ieri Conte ha delegato a tutte le singole regioni la decisione, se restano aperte aziende tessili, della plastica,della gomma,meccaniche, dei giocattoli e compagnia la colpa è delle regioni, Fontana ora è responsabile al 100%.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente
Articolo precedente
#Iorestoacasa: un nuovo gioco online vi porta a scoprire la...

Iscriviti alla news letter

You have Successfully Subscribed!