info@valseriananews.it
Valseriana News > RUBRICHE > Con la testa fra le nuvole > Autunno alla baita Armentarga
Con la testa fra le nuvole, RUBRICHE

Autunno alla baita Armentarga

Anche se siamo in zona rossa e non è possibile uscire dal proprio comune se non per motivi di lavoro o necessità, vogliamo comunque raccontarvi delle nostre splendide montagne con la rubrica di Cristian Riva "Con la testa fra le nuvole", che oggi ci porta in Val Brembana alla Baita Armentarga.

Anche se siamo in zona rossa e non è possibile uscire dal proprio comune se non per motivi di lavoro o necessità, vogliamo comunque raccontarvi delle nostre splendide montagne con la rubrica di Cristian Riva “Con la testa fra le nuvole”, che oggi ci porta in Val Brembana alla Baita Armentarga. Lʼampia conca che generosamente accoglie le più alte vette della Valle Brembana, e sui cui estremi versanti capeggiano i rinomati rifugi del Longo e del Calvi, nasconde al suo interno uno dei luoghi più affascinanti delle Orobie: la piccola Baita Armentarga, avvolta nel turbinio di colori autunnali in uno degli ambienti naturali più rigogliosi, dove lʼesteso pascolo lascia spazio ai fitti boschi di larici, dove lʼacqua disegna trasparenti laghetti ed accoglie il primo vagito del fiume Brembo.

Descrizione del percorso 

Imboccato il segnavia 210 CAI che da Carona porta verso il rifugio F.lli Calvi, proseguiamo in dolce salita lungo la cosiddetta strada dellʼEnel che supera prima la frazione di Pagliari e poi la cascata di Valsambuzza. Successivamente, lasciata a sinistra la deviazione per il rifugio Longo, proseguiamo più comodamente sino a raggiungere la località Lago del Prato. Da questʼultima, oltrepassato il ponticello su quellʼesile torrentello che più a valle diventerà il più temuto fiume Brembo, abbandoniamo la strada dellʼEnel che prosegue a destra verso il Rifugio Calvi e pieghiamo a sinistra imboccando lʼesile traccia del segnavia 208 CAI che si inoltra prima nel prato e poi nella rada boscaglia.

Il sentiero, a volte appena percettibile, prosegue ora a mezza costa e con lievi saliscendi si addentra nella vallata solcata dal neonato torrente Brembo lasciando spazio a scorci sul possente Monte Grabiasca e sul sottostante Lago della Cava. Raggiunta e lasciata a destra la deviazione per il rifugio Calvi, proseguiamo diritti nel bel bosco che ora si colora di larici dalla veste autunnale; molto brevemente ecco raggiunta la baita Armentarga, alle spalle della quale troviamo anche una particolarissima chiesetta. Escursione ad anello in alta valle brembana per godere dei colori autunnali che avvolgono la baita Armentarga. 8/11/2020 Autunno alla baita Armentarga – Sulle Orobie – Cristian Riva https://www.cristianriva.it/baita-armentarga/ 3/8 Privacy – Termini Ripartiamo dopo la meritata sosta imboccando la mulattiera che scende sotto la Baita Armentarga e prosegue volge verso valle. Oltrepassata una bella cascata, proseguiamo molto comodamente sino al Lago della Cava e da questʼultimo sino al Lago del Prato dal quale non resterà altro, dopo uno sguardo alle spalle sul Monte Aga, che ripercorrere a ritroso la strada dellʼEnel sino a Carona.

Cristian Riva

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente
Atalanta in cerca di riscatto. Oggi alle 15 la sfida...

Iscriviti alla news letter

You have Successfully Subscribed!