info@valseriananews.it
Valseriana News > News > Cronaca > Aeroporto di Bergamo: Pobeda Airlines riattiva il volo su Mosca
Aeroporto di Bergamo, Cronaca Bergamo

Aeroporto di Bergamo: Pobeda Airlines riattiva il volo su Mosca

Pobeda Airlines riattiva il volo da Bergamo a Mosca.

Pobeda Airlines, compagnia aerea russa low cost del gruppo Aeroflot, riattiva da venerdì 26 marzo il volo tra Mosca Vnukovo e l’Aeroporto di Milano Bergamo, inaugurato il 20 dicembre 2015 e che era stato sospeso a seguito delle misure restrittive legate alla pandemia di Covid-19. Il collegamento viene garantito tutti i venerdì nel primo periodo, per poi vedere ampliata la programmazione dei voli in funzione delle misure sanitarie in vigore e della domanda di viaggio conseguente.

Pobeda impiega Boeing 737-800 Next-Generation da 189 posti e fa scalo all’Aeroporto di Vnukovo, situato 23 chilometri a sud dal centro della capitale russa. L’arrivo del primo volo da Mosca è programmato alle 12:15, con ripartenza da Bergamo alle 12:45.

Il collegamento con Mosca, che ha generato nel periodo pre-Covid il 5% del totale degli arrivi stranieri solo sul territorio di Bergamo, è stato caratterizzato sempre da un elevato load factor. Nel 2017 la compagnia Pobeda Airlines ha assegnato all’Aeroporto di Milano Bergamo il premio quale destinazione internazionale che, al di fuori del territorio russo, genera la quota più alta di passeggeri dal proprio hub di Mosca Vnukovo.
“Vedere ripartire i voli di una compagnia aerea da molti anni operativa a Milan Bergamo Airport genera fiducia ed è motivo di soddisfazione – commenta Giacomo Cattaneo, direttore commerciale aviation di SACBO – Siamo consapevoli che la disponibilità di un solo volo alla settimana rappresenti solo la ripresa iniziale. Speriamo vivamente che la situazione generale dal punto di vista della sicurezza sanitaria migliori, così che tornino ad essere consentiti su larga scala gli spostamenti, consentendo di generare volumi più importanti di passeggeri, sia a Pobeda che agli altri nostri partner aerei”.

Tutti i diritti riservati ©

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente
Un mese fa, il 25 febbraio, in zona si era...

Iscriviti alla news letter

You have Successfully Subscribed!