info@valseriananews.it
Valseriana News > News > Cronaca > Frigo fermo: ad Albino perse dosi di vaccino subito rimpiazzate
ALBINO, Cronaca Albino

Frigo fermo: ad Albino perse dosi di vaccino subito rimpiazzate

Ad Albino il frigo fermo per diverse ore sabato notte ha causato la perdita di un migliaio di dosi che sono subito state rimpiazzate

Il frigo si ferma e al centro vaccinale di Albino, gestito dalla Cooperativa di medici di famiglia IML, sabato notte sono andate perse circa un migliaio di dosi di vaccino anti Covid tra Pfizer e Astrazeneca. Un fatto spiacevole vista la scarsità di dosi anche se queste sono state subito rimpiazzate.

Secondo quanto ricostruito nella notte tra sabato e domenica è saltato il salvavita lasciando il frigo industriale collocato nell’auditorium Comunale, dove si effettuano i vaccini, senza corrente. L’avviso dal computerino interno al frigo che monitora la temperatura è stato lanciato quando sono stati raggiunti gli 8 gradi. I tecnici sono intervenuti alle 4 e mezzo di notte, ma ormai era troppo tardi così hanno immediatamente sigillato e stoccato a parte le dosi quarantenate. Va anche precisato che l’interruzione dell’energia elettrica si è verificata su una linea interna. Non trattandosi di un black out non è stato utilizzabile il generatore ausiliario che è presente.

Ad Albino le dosi perse subito rimpiazzate

“Anche se si è sforato di pochi minuti – spiega Guido Marinoni, presidente dell’ordine dei medici di famiglia di Bergamo – si sono superate le sei ore tollerate dal foglietto illustrativo. Questo è il tempo massimo durante il quale Pfizer o Astrazeneca possono restare a temperatura ambiente. Così, nella massima trasparenza, domenica mattina all’alba abbiamo informato la farmacia dell’ospedale di Alzano che ci fornisce le dosi. Subito ce ne sono state mandate altrettante. Le nostre priorità sono state due: garantire la sicurezza dei cittadini e garantire la continuità del servizio“.

Interpellate, le aziende produttrici, hanno ovviamente risposto che le dosi sono compromesse e dunque non somministrabili. “Non sono stati comunque persi appuntamenti – precisa Marinoni – visto che la farmacia ci ha subito riforniti. Ora, affinché non capiti più abbiamo dotato il frigo di un gruppo di continuità specifico per il frigorifero industriale nel qual vengono consegnati i vaccini”.

Gessica Costanzo

Tutti i diritti riservati ©

4 Commenti

  • ha detto:

    Mmm mi aspettavo più attenzione e vigilanza, per stoccaggio vaccini. Ciò vuol dire che nessuno vigila h24, su i vaccini stoccati in loco presso centri vaccinali.
    No buono, no buono…

    • ha detto:

      Scusate ma ci devo tornar sopra. Ci han fatto vedere arrivo/trasporto di vaccini super scortati da diverse forze dell’ordine, e ora salta fuori che presso i centri vaccinali, non c’é nessuno che fisicamente vigila sugli stessi (vaccini indispensabili, e parecchio introvabili/ricercati) durante le ore notturne? Ma dai…

  • riccardo ha detto:

    Che ffigura di m..
    Ma dai, una cosa così preziosa e nemmeno un UPS o almeno un allarme settato correttamente..
    Stiam messi bene..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente
Mobilità e territorio della provincia di Bergamo: l’ACI al lavoro...

Iscriviti alla news letter

You have Successfully Subscribed!