info@valseriananews.it
Valseriana News > News > Cronaca > Con Grappolo Vivo vendita online di vino biologico e biodinamico
Cronaca, Promoredazionali

Con Grappolo Vivo vendita online di vino biologico e biodinamico

Grappolo Vivo è la piattaforma di vendita online di vino biologico e biodinamico ideata da una coppia della Val Seriana

Un’idea tanto semplice quanto rivoluzionaria diventata una realtà: è Grappolo Vivo, la piattaforma di vendita online che mette insieme i migliori produttori di vino biologico e biodinamico. Il progetto è di Angelo Lecchi e Francesca Oberti che, oltre ad essere una coppia, condividono la passione per il buon vino. Da qui l’idea di creare un sito internet (https://grappolovivo.it) per dare visibilità ai produttori e garantire qualità e tracciabilità del prodotto, oltre alla diffusione della cultura del “bere bene”, sempre in maniera responsabile e consapevole. Grappolo Vivo, è online da luglio 2021, ed è un progetto che fonda le radici proprio in Val Seriana (visto che Angelo e Francesca abitano in Valle) con un ampio orizzonte che si rivolge a cantine della Lombardia. In questa intervista Angelo ci spiega qual è la filosofia di Grappolo Vivo.

Cosa è Grappolo Vivo

Angelo, cosa vi ha spinto a intraprendere questa nuova attività? 

Nella vita quotidiana ci occupiamo di altro: io rivesto la funzione di responsabile in un azienda mentre, Francesca, fondatrice di Bade Lessons, con la sua attività promuove la passione per lo studio e per la cultura, con corsi di lingue e supporto alla lotta al bullismo. L’idea di buttarmi nella vendita di vino biologico attraverso la creazione di un sito dedicato è maturata nel corso degli anni.

Tuttavia è con il lockdown che ho iniziato a concretizzare questo progetto. Durante il tempo che ho forzatamente trascorso a casa durante la pandemia ho iniziato a informarmi sempre di più sul tema. Inizialmente ho cercato di capire quale sia la filosofia sottesa al mondo del vino biologico e, successivamente, ho cercato delle valide cantine, gestite da vignaioli che abbraccino questa coltura, nel territorio lombardo. Ne ho parlato con Francesca e, anche lei, si è mostrata fin da subito entusiasta del progetto in generale, e della mia idea nello specifico.

Quali criteri avete considerato nella scelta delle cantine?

Inizialmente le ho cercate tramite una semplice ricerca sul web mettendo come requisiti essenziali la cultura biologica delle vigne e il rispetto del territorio. Una volta pre selezionati i vignaioli ci siamo recati personalmente in ogni cantina. Questo è un aspetto fondamentale del nostro progetto: vogliamo creare un rapporto diretto con le persone, vedere in maniera concreta, toccare con mano la modalità con cui ogni vignaiolo si dedica alla propria vigna. Una volta scelti i fornitori, anche sulla base dell’altissima qualità dei prodotti offerti, abbiamo realizzato per ognuno un video di presentazione. Crediamo che questa nuova modalità di proporre un prodotto sia estremamente efficace. Ogni video, infatti, contiene una breve presentazione del vignaiolo, una panoramica della vigna (anche attraverso l’utilizzo di un drone) e, soprattutto, la spiegazione della filosofia di cultura seguita.

Il vino offerto su Grappolo Vivo

Che tipologia di vino offrite sul vostro sito?

Dopo una scrupolosa selezione abbiamo deciso di concentrarci sull’offerta di vini particolari, sicuramente non comunemente reperibili in un qualsiasi supermercato. Delle eccellenze, frutto del duro lavoro dei vignaioli e della grande passione. Accanto a vini rossi e bianchi, offriamo anche amari e un particolare tipo di vino chiamato orange. Quest’ultimo è un vino bianco che, però, riceve un periodo di macerazione sulle bucce, come i vini rossi, in anfore di argilla. È questo particolarissimo processo che gli conferisce un particolarissimo colore, arancio per l’appunto, e un gusto peculiare.

Quali cantine avete selezionato?

Per ora proponiamo una selezione proveniente da sei diverse cantine dislocate sul territorio lombardo. Provengono dalla Val Camonica, dalla Valtellina e dal nostro bergamasco. In quest’ultimo caso bisogna annoverare la peculiarità delle varianti PIWI.

Nella vostra personale ricerca delle migliori cantine cosa vi ha impressionato?

In realtà tantissimi aspetti. Se proprio dobbiamo dire qualcosa possiamo focalizzarci sulla grande passione che abbiamo trovato in ogni vignaiolo. Ci ha colpiti, moltissimo, il modo in cui ognuno di loro ci ha mostrato con infinito orgoglio il lavoro che compiono, con tanti sacrifici ma con un’immensa gioia. Un altro aspetto che ci ha segnati è il forte spirito di collaborazione che si instaura tra una cantina e l’altra, tra un vignaiolo e l’altro. In definitiva i rapporti umani che si creano.

Possiamo sicuramente affermare che dietro una “semplice” bottiglia di vino esiste un mondo di persone estremante appassionate e di gran qualità che seguono i valori della natura e della cura e promozione del territorio, e, per questo, pronte a non risparmiarsi. È una realtà tutta da scoprire!

Il vostro sito grappolovivo.it è operativo. Spiegateci cosa offre e cosa ha di speciale.

Riteniamo che, rispetto a un semplice e asettico sito di e-commerce, offra molto di più. È il risultato di moltissimi mesi di lavoro fatto con amore. Credo che la passione che proviamo per questo settore emerga dalla cura dei particolari e dalla volontà di promuovere la filosofia del buon vino biologico.

Accanto alla presentazione dei vini abbiamo scelto di aggiungere, come detto prima, un supporto audio visivo. Un video di pochi minuti in cui ogni vignaiolo mostra la propria cantina ed enuncia la propria attività e filosofia. Al momento sono presenti sei diverse cantine, con il tempo contiamo di aggiungerne altre, sempre di elevata qualità.

Nuovi progetti oltre la vendita online

“Inoltre – conclude Angelo -, non appena sarà possibile, abbiamo intenzione di organizzare delle cene con il produttore: delle serate al ristorante in cui sarà presente anche il vignaiolo che ha prodotto il vino che si degusterà nell’arco della cena e che, quindi, sarà in grado di decantarne ogni aspetto. Con questo progetto cerchiamo di far avvicinare, il più possibile, il produttore al consumatore finale e, con questo, divulgare una passione che riguarda moltissime persone che intendono bere bene e in maniera responsabile. Invitiamo chiunque avesse interesse a conoscerci a visitare il sito grappolovivo.it e gli account social Instagram (https://www.instagram.com/grappolovivo/) e Facebook (https://www.facebook.com/grappolovivo). Infine con il codice sconto VALSERIANA10 riservato ai lettori di Valseriana News si ha diritto ad uno sconto del 10%”.

Tutti i diritti riservati ©

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente
5 serate con la musica in piazza, a Gandino torna...

Iscriviti alla news letter

You have Successfully Subscribed!