La sfilata di Mezza Quaresima trasforma Bergamo nella “Città del Folclore”: tutto pronto per il tradizionale evento organizzato dal Ducato di Piazza Pontida.

L’atteso “Rasgamènt de la Ègia” e la coloratissima Sfilata di Mezza Quaresima, sono divenute ormai un caposaldo della tradizione popolare orobica, che il Ducato di Piazza Pontida porta avanti dal 1924.

Molte le novità di questa nuova edizione, come ha avuto modo di raccontare in conferenza stampa il Duca di Piazza Pontida Smiciatöt (al secolo Mario Morotti); tra queste spicca senza dubbio il riconoscimento del Carnevale orobico di mezza Quaresima da parte dell’Associazione Carnevalia, quale evento di carattere nazionale. Grazie a questo importante riconoscimento il Carnevale di Bergamo entra a far parte degli storici Carnevali d’Italia, insieme a prestigiosi carnevali, come quello di Venezia, Acireale e Putignano.

Il programma

Il programma del lungo week-end di festa si apre il 28 marzo nella Chiesa di San Leonardo con la Sacra Rappresentazione in antico dialetto bergamasco intitolata “Passione”. Il 29 marzo invece avrà luogo il Gran Ballo in Maschera, balli tradizionali, costumi ricercati e musica classica daranno luogo a un momento incantato, la location è presso Villa Moroni a Stezzano.

Il programma 2019 continua sabato 30 marzo in Piazza Matteotti, con l’atteso “Rasgamènt de la Ègia”, con il quale si mettono simbolicamente al rogo le brutture della città. Ad anticipare il tradizionale rogo delle Vecchia nel pomeriggio i gruppi folk bergamaschi animeranno le vie del centro cittadino con canti e danze presentando la prima edizione del Bèrghem Folk. Durante la serata verranno inoltre presentati i carri che parteciperanno alla parata.

Come accade ormai da alcuni decenni, gli allievi della Scuola d’Arte Andrea Fantoni hanno realizzato, con abilità, ironia e tanta fantasia, alcuni bozzetti che verranno esposti in Piazza Matteotti e dai quali si ricava l’effige della Ègia, che viene segata in questa tradizionale cerimonia. L’evento coinvolgerà inoltre le allieve della Scuola di moda SILV di Bergamo che sfileranno gli abiti frutto della loro creatività, ispirati ad Oriocenter. Durante la serata ci sarà un momento legato anche al folclore internazionale con l’esibizione del gruppo Carioca Dance Ballet gruppo del Carnevale di Rio de Janerio .

La serata si concluderà con la premiazione degli autori dei bozzetti e con l’elezione della “Ègia piö bèla”, concorso al quale tutti i gruppi e carri iscritti alla sfilata sono invitati a partecipare. La vincitrice aprirà la sfilata di domenica accanto al Duca di Piazza Pontida.

Il giorno seguente, domenica 31 marzo, prenderà invece il via il momento più atteso e coinvolgente, quello della tradizionale Sfilata di Mezza Quaresima.

Tre colpi di cannone sparati dagli spalti delle Mura daranno il via alla parata, aperta dal Duca di Piazza Pontida e dalla Ègia piö bèla, seguiti da 75 tra carri, gruppi danzanti e tamburini. Un fiume di colori, maschere, volti e allegria, che si snoderà lungo le vie del centro cittadino.

Un momento importante che mantiene un vivace fascino carnevalesco e rende la città di Bergamo il luogo privilegiato nel quale il folklore e la cultura popolare trovano spazio per manifestarsi e acquisire nuovo valore anche nella modernità.

Come ogni anno è prevista una grande partecipazione di pubblico, sempre presente in massa ad accompagnare con entusiasmo i protagonisti della sfilata. Dopo oltre novant’anni la Festa di Mezza Quaresima si conferma un grande spettacolo, in grado di affascinare e incantare ogni spettatore.

Tutti i diritti riservati ©

Articoli correlati

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.