info@valseriananews.it
Valseriana News > News > Cronaca > Nuova sfida invernale per Simone Moro e Tamara Lunger
Cronaca

Nuova sfida invernale per Simone Moro e Tamara Lunger

Gli alpinisti Simone Moro e Tamara Lunger hanno annunciato la prossima sfida invernale:  la salita del Gasherbrum I e il concatenamento con il Gasherbrum II. Gli alpinisti Simone Moro e Tamara Lunger hanno annunciato la prossima sfida invernale: la salita del Gasherbrum I e il concatenamento con il Gasherbrum II. Entrambe le vette sono state salite […]

Gli alpinisti Simone Moro e Tamara Lunger hanno annunciato la prossima sfida invernale:  la salita del Gasherbrum I e il concatenamento con il Gasherbrum II.

Gli alpinisti Simone Moro e Tamara Lunger hanno annunciato la prossima sfida invernale: la salita del Gasherbrum I e il concatenamento con il Gasherbrum II.

Entrambe le vette sono state salite d’inverno. Il Gasherbrum II dallo stesso Simone Moro insieme a Denis Urubko. Il primo concatenamento tra le due montagne risale al giugno del 1984 ad opera di Reinhold Messner e Hans Kammerlander, i quali salirono le due cime senza passare dal campo base. Si tratta del primo concatenamento in assoluto di due Ottomila

L’obiettivo della spedizione composta da Simone e Tamara è quello di arrivare in vetta al GI (8.080m) per poi scendere fino al Gasherbrum La a 6500 metri e continuare la salita fino alla cima del Gasherbrum II (8.035m).

La partenza avverrà verso la metà di dicembre e i due saranno già pre-acclimatati grazie alla camera ipobarica terraXcube dell’Eurac di Bolzano. Qui vengono simulati climi estremi e i due vi trascorreranno quattro settimane. La spedizione ha anche un obiettivo scientifico: i ricercatori di Eurac infatti monitoreranno i parametri fisiologici per studiare gli impatti dell’alta quota sul fisico sia prima che dopo l’impresa.

Simone Moro, 52 anni bergamasco, e Tamara Lunger, 33 anni di Bolzano, hanno già affrontato diverse spedizioni insieme. Nel 2009 l’Island Peak, in Nepal, prima vetta Himalayana per la giovane Tamara. Da menzionare anche la prima ascensione invernale del Nanga Parbat quando Tamara dovette fermarsi poco sotto la vetta per problemi di salute.

Tutti i diritti riservati ©

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente
Articolo precedente
L’Atalanta festeggia il primo, storico successo in Champions League, ottenuto...

Iscriviti alla news letter

You have Successfully Subscribed!