info@valseriananews.it
Valseriana News > News > Cronaca > Attività storiche premiate da Regione Lombardia
Cronaca

Attività storiche premiate da Regione Lombardia

Attività storiche premiate da Regione Lombardia: due della Val Seriana. Il ristorante La Busa di Alzano e l’ottica Claseri di Ponte Nossa. Sono ben 38 le attività storiche di Bergamo e provincia che sono state premiate da Regione Lombardia. Due si trovano in Val Seriana. Si tratta di negozi, locali storici e botteghe artigiane con […]

Attività storiche premiate da Regione Lombardia: due della Val Seriana. Il ristorante La Busa di Alzano e l’ottica Claseri di Ponte Nossa.

Sono ben 38 le attività storiche di Bergamo e provincia che sono state premiate da Regione Lombardia. Due si trovano in Val Seriana. Si tratta di negozi, locali storici e botteghe artigiane con almeno 40 anni di attività alle spalle.

Alla cerimonia ha partecipato l’assessore al Turismo, Marketing Territoriale e Moda di Regione Lombardia, Lara Magoni. “Un riconoscimento ad attività storiche che rappresentano un tesoro inestimabile per Bergamo e la sua provincia – ha commentato -. Botteghe che sanno abbinare sapientemente il ‘saper fare artigiano’ allo spirito di innovazione delle nuove generazioni”.

In totale, in Lombardia sono 1.765 le attività insignite del prestigioso riconoscimento: nella Bergamasca sono 154 le attività storiche e di tradizione premiate nel corso degli anni. 

Le attività premiate

A questo link è possibile consultare tutte le attività premiate della Provincia di Bergamo:

Due sono della Val Seriana: il ristorante Da Sandro La Busa a Nese di Alzano Lombardo, attivo dal 1978 e l’ottica Claseri di Ponte Nossa attiva dal 1960.

“I numeri parlano chiaro – ha aggiunto Lara Magoni -: nei primi nove mesi del 2019 il turismo in Lombardia è in forte crescita, con un +5,8% in termini di arrivi e il 7,5% in più di presenze. Dati che testimoniano che quell’obiettivo che mi sono posta all’inizio del mio mandato sta imboccando la strada giusta. Far conoscere quei territori anche più piccoli, dove proprio le botteghe sono veri luoghi simbolo, musei della tradizione capaci di attrattività”.

Tutti i diritti riservati ©

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente
Articolo precedente
La Grande coperta di Clusone, iniziato il montaggio. Sabato 7...

Iscriviti alla news letter

You have Successfully Subscribed!