info@valseriananews.it
Valseriana News > News > Cronaca > Nuovo caso mortale di meningite
Cronaca

Nuovo caso mortale di meningite

Nuovo caso di meningite nella zona del Sebino. Muore donna di 48 anni di Predore. Nuovo caso di meningite nella zona del Sebino. A morire una donna di 48 anni di Predore. Si tratta di Marzia Colosio, madre di due figli, originaria di Tavernola. Giovedì 2 gennaio, dopo un malore che l’ha colta il primo […]

Nuovo caso di meningite nella zona del Sebino. Muore donna di 48 anni di Predore.


Nuovo caso di meningite nella zona del Sebino. A morire una donna di 48 anni di Predore. Si tratta di Marzia Colosio, madre di due figli, originaria di Tavernola. Giovedì 2 gennaio, dopo un malore che l’ha colta il primo dell’anno, è stata trasportata in condizioni disperate agli Spedali Civili di Brescia ed è deceduta nella mattinata di venerdì 3 gennaio.

La donna è stata colta da una forma aggressiva di meningite: sepsi da meningococco; ancora da stabilire se sia il ceppo C dei tre precedenti casi verificatesi a Villongo.

Persiste dunque il clima di preoccupazione nei due paesi del lago d’Iseo dopo gli altri casi che hanno interessato due ragazze e un 36enne.

L’Ats e i comuni del lago d’Iseo si sono attivati subito per avviare la profilassi per i parenti e per coloro che hanno avuto un contatto con la donna negli ultimi giorni. Il sindaco di Predore, Paolo Bertazzoli, ha reso pubblico un comunicato: 

«Ho appreso in data odierna di un presunto caso di meningite che avrebbe colpito la nostra concittadina Marzia Colosio, resistente in Via Carrobbio. Invito tutta la popolazione a stringersi intorno a Marzia e ai suoi cari per far percepire alla famiglia la vicinanza della nostra Comunità. In ogni caso, si invitano tutti i congiunti e quanti ritengano di aver avuto contatti non sporadici con la persona colpita negli ultimi giorni, a prendere contatto con Ats Trescore al n. 035/385456, con il proprio medico di base o con la Guardia Medica al fine di concordare l’avvio immediato della profilassi antibiotica. Non appena concorderemo con Ats nuove iniziative di prevenzione, queste saranno subito comunicate alla popolazione».

I casi precedenti

L’ultimo ad essere stato ricoverato a fine dicembre è un 36enne, residente a Villongo ma non bergamasco di origine. Le condizioni dell’uomo sono col tempo migliorate.

La prima ad essere colpita invece è stata la studentessa di 19 anni Veronica Cadei, per cui purtroppo l’infezione si è rilevata fatale. Poi è toccato a un’allieva sedicenne del Serafino Riva di Sarnico, oggi fortunatamente in via di completa guarigione.

Tutti i diritti riservati ©

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente
Messa in sicurezza alla scuola materna di Gandino. Durante le...