info@valseriananews.it
Valseriana News > News > Cronaca > CC controllano Albino con drone, sanzionati in 7
ALBINO, Cronaca

CC controllano Albino con drone, sanzionati in 7

4 ragazzi scoperti dal drone lungo un sentiero ad Albino, i Carabinieri li sanzionano. Multate altre 3 persone.

Dalle ore 15 alle 17.30 circa di oggi, i Carabinieri della Compagnia di Clusone hanno effettuato controlli in diverse aree nel territorio di Albino. Ciò con l’ausilio di un drone e di un pilota messo a disposizione dalla Società EGIDAS di Ponte San Pietro e con il supporto del Personale della Protezione Civile.

L’attività aveva un duplice obiettivo: verificare gli spostamenti dei cittadini osservanti le regole previste dal DPCM, e contrastare il fenomeno del consumo e dello spaccio di stupefacenti. 

Le operazioni con drone ad Albino

Le operazioni hanno avuto inizio sul Sentiero della Madonna della Neve, mulattiera che da Albino conduce a Selvino con un dislivello di circa 650 metri.

Il Comandante della Compagnia di Clusone, coordinando in loco le operazioni attraverso la visione delle immagine del drone su un monitor, ha allertato sei carabinieri della Stazione di Albino comandata dal Luogotenente Francesco Chiofalo, per aver avvistato le sagome di quattro individui all’altezza del Santuario della Madonna della Neve ubicato quasi a metà del sentiero.

I carabinieri si sono così mossi in borghese e, raggiunti ed identificati i soggetti segnalati, i militari hanno sanzionato quattro ragazzi di Albino. Si tratta di studenti universitari ed incensurati, di età compresa tra i 22 ed i 25 anni. I giovani hanno giustificato la loro presenza nell’area perché insofferenti al caldo e per la noia di stare a casa. 

Al termine delle operazioni, intorno alle 16.15, si è trasferito il dispositivo nei pressi del Capolinea di Albino del TEB, con lo scopo di verificare se nell’area sottostante che costeggia il fiume non vi fosse qualcuno.

Fermate altre 3 persone

Dalla telecamera del drone non sono state notate persone sul lungo fiume, ma nello stesso luogo sono stati fermati, identificati e sanzionati tre uomini. Tra questi un operaio quarantenne ed incensurato di Selvino, che sarà segnalato alla Prefettura quale assuntore di sostanza stupefacente. L’uomo è stato colto, appena sceso dal trenino, ad accendere uno spinello. Sanzionati anche 2 uomini sessantenni pensionati ed incensurati di Nembro che stavano per salire sul tram: i due si sono giustificati dicendo di tornare a casa dopo una passeggiata nel comune della media Val Seriana.

Questi utili ed efficaci controlli, disposti dal Comandante Provinciale dei Carabinieri di Bergamo, proseguiranno nei prossimi giorni in tutta la Provincia. 

Tutti i diritti riservati ©

40 Commenti

  • Martino ha detto:

    Giusti i controllo. Auspico che a fine pandemia le forze dell’ordine applicassero nei confronti dei veri criminali il medesimo impegno, costanza e perseveranza. Sicuramente il futuro dell’Italia sarebbe quello del paese più sicuro al mondo!!!

    • Stregabakeka ha detto:

      Alla faccia dell’ abuso di potere!!! Ci manca poi che tutti i giorni ci ricordino che non possiamo uscire se non per stretta necessità! Ecco NON È NECESSARIO! Quindi lor signori siano il buon esempio e usino le loro forze e le NOSTRE risorse economiche per fare qualcosa di più sensato!che schifo e che vergogna!

  • Alex ha detto:

    Concordo se utilizzassero la stessa determinazione anche per i criminali veri l’Italia sarebbe il paese più sicuro al mondo.

    • Simone ha detto:

      Campa cavallo… Quelli veri non li cagano neanche x paura…

    • Pablo Escobar ha detto:

      si ma hanno colto in flagranza di reato uno sfumacchiatore di canne…

    • Daniele ha detto:

      Con i criminali veri rischiano la pelle, a controllare 4 ragazzi e qualche vecchietto no, percio traete le vostre conclusioni.
      Nemmeno quando hanno dato la caccia al russo (mi sfugge il nome) che aveva ucciso diverse persone ho visto uno spiegamento cosi’ imponente di forze dell ordine

  • Giuseppe Pezzotta ha detto:

    Che schifo! I droni potrebbero essere usati per scopi più nobili che sanzionare due poveri pensionati che hanno fatto una passeggiata! Vergogna! E in giro c’è di tutto, spacciatori, stupratori, ladri, ecc…

  • ???? ha detto:

    Ai posteri l’ardua sentenza, ma io voglio dire la mia: ma neanche nell’Aspromonte si vedono situazioni simili alla ricerca dei latitanti mafiosi.
    Qui qualcuno e non pochi stanno veramente montandosi un cicinin, tipo quello della protezione civile nel centro foto sul riposo militare, che pensa di essere alle grando manovre. Calma ragass calma!

  • Rita ha detto:

    Se non ci fosse da piangere per tutto quanto stiamo vivendo, leggendo certi fatti verrebbe da ridere.

    • Jake ha detto:

      Veramente mai visto tanto accanimento e spiegamento di forze x un inesistente probabilità di accrescere il contagio. sui sentieri di montagna? dai. I responsabili di tutto ciò non pagheranno in bel niente come al solito invece

      • Alex ha detto:

        Se non paga chi deve pagare, il conto a chi resta?…
        Ci dicono che i numeri sono in calo, gli ospedali e le terapie intensive si stanno svuotando ma ci sono ancora 500/600 morti tutti i giorni, qualcosa non torna… Dei nuovi ospedali costruiti non si parla più e nemmeno di tutti gli alberghi messi a disposizione della quarantena, non si capisce quanto siano utilizzati.
        Però siamo bravissimi e tempestivi a fare la caccia alle streghe, logicamente usando i mezzi di nuova generazione…
        Non capisco perché con guanti e mascherina posso tranquillamente entrare in casa dei clienti, 4/5 tutti i giorni e posso lavorare senza problemi. ma non posso fare una passeggiata nel bosco vicino casa.
        Ok il rispetto delle regole ma l’Italia sembra sempre avere due facce.
        La legge è uguale per tutti ma per alcuni è più uguale che per altri…

  • Libero ha detto:

    É più semplice “arrestare” tutti nelle loro abitazioni più o meno confortevoli…
    Che fare gli adeguati esami per vedere chi potrebbe “liberamente” uscire dagli arresti. Si, perché gli immuni esistono!

  • Omar ha detto:

    A Napoli invece in 200 hanno partecipato tranquillamente ad un funerale.
    Sarebbe interessante avere il dato relativo alle multe date nelle diverse regioni.

    • Giovanni ha detto:

      Tranquillo magari le multe le fanno ma poi tanto non le pagano, hanno solo il reddito di cittadinanza perciò sono tutti nullatenenti non come noi che siamo tutti benestanti anche se facciamo fatica ad arrivare a fine mese.
      Cosi è l’Italia e non da ora , tanto non cambierà mai .

    • . ha detto:

      A Brescello Emilia R. É successa la stessa cosa. Tutto il mondo é paese…

  • Jake ha detto:

    Date un occhio al link: questa è la stessa Italia?
    E da noi droni sui sentieri?
    Frustrazione e rabbia sfoceranno in qualcosa di brutto se va avanti così ancora un po.

    https://www.ansa.it/campania/notizie/2020/04/18/coronavirus-folla-in-strada-a-funerali-sindaco-medico_f94d1147-67d6-472e-8208-3887e3ef86f2.html

    • Giovanni ha detto:

      noi non abbiamo potuto accompagnare i ns. morti al cimitero, i controlli da noi sono cosi’ serrati da parte delle forze dell’ordine perche’ sanno che da noi la gente non si ribella, se controllavano i presenti al funerale ti garantisco che avveniva una rivolta da parte di tutti i presenti come’ gia capitato quando dovevano arrestare qualche delinquente.

  • Martino ha detto:

    In particolare la polizia locale, non avendo la possibilità di accanirsi con gli automobilisti, si stanno accanedo con i cittadini, anche in modo becero, comminando sanzioni che hanno del paradossale, sicuramente prive del più elementare buonsenso.

  • Claudio ha detto:

    Spero,meglio auspico un controllo così serrato anche dopo questa fase incresciosa,buon proseguimento.

  • marcello ha detto:

    oramai ne stiamo vedendo di tutti i colori…povera italia

  • Omar ha detto:

    Ricordiamocelo queste cose quando tutto sarà finito

  • Giovanni ha detto:

    Posto di blocco rondò delle valli verso la Valle Seriana, 1 auto della Polizia, 1 dei vigili e una camionetta militare per un totale di 6 persone e tutto per fermare 1 auto. Mi sembra un tantino esagerato.

  • Timoteo ha detto:

    Un appello a tutti coloro di dovere, non siamo delinquenti, non abbiamo creato e voluto noi questo momento terribile che tutti stiamo vivendo.
    Quando giustamente state eseguendo degli ordini, pensate anche a questo, ed abbiate un occhio di riguardo in certe situazioni potrebbe e sarebbe sufficiente un rinbrotto, una romanzina. Non siate troppo duri, non siamo dei delinquenti, siamo solo gente a cui é stata negata la LIBERTÀ e non per colpa nostra!

  • ha detto:

    Un quesito legato al vil denaro, ma perché non utilizzare i droni dei CC, o quelli delle Polizie Locali in prestito.
    E rivolgersi ad una ditta privata, che penso per il drone ed il pilota abbia voluto degli €? A meno che, per fare un piacere ai CC, il tutto non sia stato gratuito…

  • Tone d. S. ha detto:

    Qui almeno andavano ad un funerale e poi qualcuno é intervenuto, a Gromo la sindaca é andata con un gruppo di persone, fuori casa di due persone anziane del paese a fare gli auguri con tanto di discorso…

  • Lorenzo B. ha detto:

    Come siamo caduti in basso…trovo veramente grottesco questo dispendio di energie e tecnologie per scovare qualche “cittadino contribuente” evaso dagli arresti domiciliari.
    Se avessero usato lo stesso impegno per impedire il furto nelle case forse qualche “cittadino contribuente” avrebbe dormito più rilassato…
    Ad ogni modo a mio parere questa caccia all’untore ha il solo scopo di addossare la colpa di questa situazione a poveri cittadini irresponsabili sviando l’attenzione dalle grosse lacune della classe dirigente che non si è accorta che il virus circolava nei nostri paesi dal mese di Gennaio e i famosi decreti sono entrati in vigore solo a Marzo. Ai posteri l’ardua sentenza…

  • Manuel ha detto:

    Da trailrunner in pausa..forzata..concordo e confermo che un controllo del territorio così assiduo per 4 gatti che osano avventurarsi oltre i 200 mt da casa non si è mai visto….ridicoli…nemmeno quando l’allerta furti domestici era dell’ordine del giorno….complimenti…poi chiedono di mettere il tricolore esposto….io spero di andarmene da questo paese di merda

  • Paolo ha detto:

    E’ giusto dire la propria idea o pensiero ma con il rispetto di tutti….. tutti sappiamo fare il lavoro degli altri….. quando veniamo multati abbiamo sempre da recriminare ma se invece veniamo aiutati, quelle stesse persone diventano eroi…. iniziamo a giudicare noi stessi e poi valutiamo se è il caso di giudicare gli altri…. Questo è il mio pensiero e ringrazio tutti quelli che fanno qualcosa per il prossimo

  • gil ha detto:

    I veri delinquenti si stanno sbellicando dalle risate !!!

  • giorgio ha detto:

    M avergognatevi

  • Luigi ha detto:

    Voglio vedere se a chi ha contribuito con scelte sciagurate a questa strage verrà comminata
    Almeno una multa!!!

  • Claudia ha detto:

    È vero bisogna rispettare le regole x il bene di tutti, ma non vi sembra di esagerare? Ci trattate come se fossimo delinquenti! Io capisco l’assembramento , ma quattro poveri ragazzi in un bosco! L’altro giorno i carabinieri mi hanno inseguito fin dentro la ditta dove lavoro! Se questo zelo lo usassero veramente verso i veri delinquenti, sarebbe davvero un’ Italia migliore!

  • Marco ha detto:

    Credo che abbiano fatto benissimo. In primis siamo ancora sotto le regole del DPCM vigente, quindi BISOGNA STARE A CASA!

    Quindi, invece di insultare i carabinieri, rimproverate quelli che erano in giro

  • Martino ha detto:

    Lorenzo hai perfettamente centrato la questione.
    Rispondo a chi dice che è giusto sanzionare. Ammesso che sia giusto, Io dico si ma a TUTTI proprio TUTTI, non sono quei coglioni di cittadini onesti!
    E verrei proporre un paragone: Andare in auto se non guidi con coscenza ed attenzione metti a repentaglio la Tua vita e la vita degli altri. Un conto è guidare con attenzione, un conto è il rispetto delle regole. Se lungo la superstrada della Valleseriana, dove in alcuni tratti c’è il limite (assurdo) di 60 km. orari e Tu becchi una multa perchè andavi a 66 cosa fai? la pahi, ma se qualcuno ti dice che è giusto e hanno fatto bene, gli sputi in un occhio!

  • Giovanni ha detto:

    Vorrei solo sapere se tutti i controlli a cui siamo sottoposti vengono fatti anche nei campi nomadi e se ai clandestini che girano liberamente in Italia viene chiesta l’autocertificazione per muoversi.
    Sono il primo a dire che giusti i controlli, ma se valgono per tutti.

  • Z ha detto:

    E il problema di tutto questo é che, lavorare SI, fare due passi in un bosco senza pericoli alcuni NO.
    Qualcosa non quadra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente
Meglio rinunciare ad un'opera pubblica ma aiutare concretamente la nostra...

Iscriviti alla news letter

You have Successfully Subscribed!