info@valseriananews.it
Valseriana News > News > Cronaca > Da giovedì test sierologici ai cittadini di Nembro, Alzano e Albino
Cronaca Bassa Valle

Da giovedì test sierologici ai cittadini di Nembro, Alzano e Albino

Da giovedì test sierologici ai cittadini di Nembro, Alzano e Albino di età compresa tra i 18 e i 64 anni che non abbiano fatto il tampone.

Ats ha comunicato alle amministrazioni locali che da giovedì 23 aprile inizierà ad effettuare i primi test sierologici. Tramite un prelievo di sangue sarà possibile verificare se la persona abbia sviluppato anticorpi al Covid-19.

Per cominciare, verranno effettuati test ai cittadini di Nembro, Alzano e Albino di età compresa tra i 18 e i 64 anni, che non abbiano fatto il tampone nasofaringeo per ricerca di SARS-CoV-2 e che appartengano ad alcune specifiche categorie, ovvero:

  1. soggetti sintomatici con quadri simil-influenzali, segnalati dai medici di famiglia;
  2. contatti di casi accertati (sintomatici o asintomatici), identificati da ATS a seguito di indagine epidemiologica;

Dalla prossima settimana l’effettuazione dei test verrà estesa anche al resto della provincia, secondo modalità che verranno comunicate successivamente.

Le dichiarazioni di Gallera

«Ci siamo, i percorsi sono stati definiti: da giovedì 23 aprile partono i test sierologici in 14 centri prelievi lombardi delle province di Bergamo, Brescia, Lodi e Cremona. Dal 29 aprile, le analisi vengono estese a tutta la Regione». Lo ha confermato, in una nota, l’assessore regionale al Welfare Giulio Gallera, specificando che i centri prelievi saranno attivi da giovedì ad Alzano, Nembro, Albino, Codogno e Lodi e da venerdì a Brescia, Manerbio, Desenzano, Chiari e Montichiari, Casalmaggiore, Soresina, Cremona e Crema.

«Si tratta di un prelievo di sangue venoso periferico – spiega Gallera – che serve per verificare se un organismo ha sviluppato gli anticorpi e se questi sono neutralizzanti per il virus. La “call” a questi test viene coordinata dalle Agenzie per la tutela della Salute in collaborazione con le Asst di riferimento in base alle proprie informazioni epidemiologiche oppure su segnalazione dei medici di Medicina Generale e dei pediatri di Libera Scelta».

Tutti i diritti riservati ©

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente
600.000 DPI distribuiti da ATS sull'intero territorio della provincia di...