info@valseriananews.it
Valseriana News > News > Cronaca > Premio economico ai lavoratori del Covid: a Bergamo risorse per oltre 15milioni
Cronaca, La Valle nel VIRUS Bergamo

Premio economico ai lavoratori del Covid: a Bergamo risorse per oltre 15milioni

Accordo di CISL FP, FP CGIL e UIL FPL con Regione Lombardia: premio economico ai lavoratori del Covid. A Bergamo risorse per 15milioni e mezzo. Ora occorre trovare modalità anche per gli operatori della sanità privata.

CISL FP,  FP CGIL  e UIL FPL Lombardia hanno raggiunto nei giorni scorsi  l’intesa con Regione Lombardia sul riconoscimento economico per gli operatori del Servizio Sanitario Regionale. L’emergenza sanitaria ha evidenziato a tutta la collettività quanto la classe dei professionisti sanitari abbia dato prova di grande professionalità, di un grande senso del dovere, di abnegazione e di una grandissima capacità di sacrificio.

“Tutto questo vede oggi un traguardo di natura economica, risultato di un lavoro di confronto con la Regione Lombardia sostenuto dal sindacato confederale con caparbietà e impegno, per destinare le risorse straordinarie previste dal Decreto Cura Italia, dalle RAR e dalla legge regionale 9/2020”. Così, Angelo Murabito Cisl FP, Roberto Rossi di FP CGIL e Antonio Montanino UIL FPL Bergamo salutano l’accordo che andrà a premiare i protagonisti dell’epidemia che tra marzo e aprile ha colpito la provincia.

A quanto ammonta il premio a livello nazionale

Complessivamente verranno distribuite a tutti gli 81mila lavoratori della sanità pubblica 168 milioni di euro. A Bergamo i lavoratori del comparto coinvolti saranno circa 7.500 e la cifra che sarà destinata supererà i 15 milioni e mezzo di euro, “uno stanziamento senza precedenti”, sottolineano i sindacati. 

Le quote verranno distribuite in base ai criteri stabiliti dall’accordo che riguarderanno la gestione dell’epidemia in generale. Gran parte serviranno per compensare il disagio e l’impegno di tutto il personale che ha affrontato l’emergenza considerando i diversi livelli di intensità nella gestione dell’epidemia di tutte le unità operative. 

Le OO.SS hanno svolto un ruolo fondamentale con la presentazione di una piattaforma rivendicativa che è stata in gran parte soddisfatta in una trattativa lunga e non facile da gestire “ma che ha prodotto un importante risultato per i professionisti che in molti casi hanno pagato anche personalmente il loro impegno. Adesso si svolgeranno i confronti nelle varie aziende per rendere operativo l’accordo e consentire l’erogazione il prima possibile”.

Ora l’attenzione massima da parte di CGIL CISL UIL è interamente rivolta  all’individuazione di risorse e modalità “per riconoscere adeguate indennità anche al personale della sanità privata accreditata – concludono Murabito,  Rossi e Montanino -, che, al pari dei colleghi del pubblico, ha dato  e continua a dare il massimo ed è essenziale per la tenuta dei servizi sanitari nell’intera regione, ma non ha stessi diritti, stesso salario e stesse tutele”.

Tutti i diritti riservati ©

2 Commenti

  • 🤮 ha detto:

    E bisognava che si vedessero centinaia di bare in fila, per fare che tutto ciò avvenisse.
    Sempre più disgustato di questo paese!

  • Gaaren ha detto:

    E per gli operatori sanitari delle RSA niente? Loro che hanno combattuto la guerra con le pistole ad acqua???
    Un po’ di riconoscenza anche per loro!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente
Articolo precedente
Riparte con il piede giusto il turismo verde in Val...

Iscriviti alla news letter

You have Successfully Subscribed!