info@valseriananews.it
Valseriana News > News > Cronaca > Bergamo 3 arresti per spaccio di stupefacenti nel piazzale della stazione ferroviaria
Cronaca Bergamo

Bergamo 3 arresti per spaccio di stupefacenti nel piazzale della stazione ferroviaria

Bergamo, operazione dei Carabinieri presso la stazione ferroviaria: 3 arresti per spaccio di stupefacenti. Decine le persone controllate.

I Carabinieri della Compagnia di Bergamo, supportati dalle unità cinofile di Orio al Serio, nell’ambito delle attività finalizzate al contrasto ai reati in genere nei pressi della stazione FS di Bergamo, hanno arrestato tre persone per spaccio di sostanze stupefacenti. Nel corso delle operazioni sono stati controllati inoltre numerosi esercizi pubblici e decine di veicoli in transito.

Ieri i militari hanno identificato circa 40 persone in transito, di cui 10 di interesse operativo con vari precedenti, tra queste, 2 sono state tratte in arresto per detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti. In particolare, un uomo di 29 anni, di origine tunisina, è stato fermato nell’atto di cedere una dose di hashish trovato poi in possesso di ulteriori 20 grammi della stessa sostanza, già suddivisa in dosi, pronta per essere venduta. Il secondo arresto un 24enne, originario della Nigeria, con precedenti specifici, è stato fermato dopo aver ceduto una dose di hashish ad un altro assuntore. Infine, un giovane, 21enne di origine ghanese, è stato denunciato per aver commesso lo stesso reato. Lunedì sera nella stessa area limitrofa alla stazione, i Carabinieri hanno arrestato un 36enne, di origine tunisina, già noto per analoghi precedenti, fermato subito dopo aver ceduto una dose ad un acquirente e trovato in possesso di 2 grammi di cocaina e 170 euro in contanti, ritenuti provento dell’attività illecita.

Al termine delle operazioni, la droga e il denaro sono stati posti sotto sequestro e i tre uomini arrestati sono stati trattenuti in attesa del giudizio direttissimo. 

2 Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articolo precedente
Articolo precedente
Lettera aperta ad Attilio Fontana, anche alla luce della ricerca...