info@valseriananews.it
Valseriana News > News > Cronaca > Lombardia è zona gialla, c’è l’ordinanza
Cronaca

Lombardia è zona gialla, c’è l’ordinanza

Il ministro della Salute Roberto Speranza ha firmato nella serata di venerdì 11 dicembre l’ordinanza con cui la Lombardia passa in zona gialla.

Il ministro della Salute Roberto Speranza ha firmato nella serata di venerdì 11 dicembre l’ordinanza con cui la Lombardia passa in zona gialla. Da domenica 13 dicembre dunque anche in provincia di Bergamo e in Val Seriana ci saranno nuove regole. Leggi qui le regole della zona gialla.

La decisione del ministro è maturata sulla scorta del report dell’Istituto superiore di Sanità sull’andamento dell’epidemia di Covid-19 in Italia pubblicato l’11 dicembre: la situazione è in miglioramento, anche se la circolazione del virus Sars-CoV-2 resta sostenuta in tutte le Regioni italiane, e 16 di esse sono oltre la soglia critica per quanto riguarda l’impatto sul Servizio sanitario nazionale. Per questo motivo «questo andamento deve portare alla massima attenzione nell’adozione e rispetto delle misure, ed evitarne un rilassamento prematuro, mantenendo elevata l’attenzione nei comportamenti» precisano ministero della Salute e Istituto superiore della sanità. 

L’Iss raccomanda: «La situazione epidemiologica rimane grave e si raccomanda che, in base all’impatto sui servizi sanitari e territoriali, una modulazione delle misure di mitigazione nelle Regioni eviti di rilassare le misure stesse e il livello di attenzione della popolazione al punto da determinare una rapida inversione della tendenza documentata con una ripresa del contagio in un contesto di incidenza ancora molto elevata che avrebbe conseguenze molto gravi per il Paese».

Tutti i diritti riservati ©

Un Commento

  • Andrea ha detto:

    Scusate, ha firmato? Siete gli unici a dare la notizia al tempo passato.. tutto gli altri dicono che firmerà..

    La mia domanda é , qual è la fonte?

    è attendibile?

    Intanto il ministro non ha ancora postato nulla sui social

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articolo precedente
Articolo precedente
Perché i ricercatori che hanno redatto il rapporto sulla gestione...