info@valseriananews.it
Valseriana News > News > Cultura > Persi del diluvio: il secondo romanzo del clusonese Stefano Giudici Bèta
Cultura Val Seriana

Persi del diluvio: il secondo romanzo del clusonese Stefano Giudici Bèta

Dopo il successo del primo libro, Indiavolati, lo scrittore di Clusone presenta il secondo romanzo. Una storia ambientata nelle nostre vallate nella metà degli anni 90.

“Persi nel diluvio” è il titolo del secondo romanzo pubblicato dal clusonese Stefano Giudici, detto Bèta. Questo è il soprannome della sua famiglia, alla quale tiene particolarmente. Stefano, imprenditore 55enne, coltiva sin da bambino una grande passione per la scrittura e i suoi sogni sono diventati realtà nel giugno 2018 quando venne pubblicato il suo primo romanzo “Indiavolati”. Alla sua passione per la scrittura unisce quella per lo sport e per la musica, oltre che a quella per i viaggi.

“L’idea di un secondo romanzo – racconta Stefano – era un sogno nel cassetto che avevo da molti anni, ma purtroppo il tempo a disposizione per dedicarmi al romanzo era poco. La trama del libro era nella mia mente già da diverso tempo. A causa del coronavirus, come tutti, sono stato costretto a passare molti giorni a casa e, così, ho deciso di terminare e perfezionare ‘Persi nel diluvio’. La storia è ambientata nella metà degli anni novanta. Questo libro vuole essere anche una chiara dichiarazione d’amore per le nostre Valli: vengono descritti in modo particolare i nostri paesi e i nostri panorami mozzafiato. Amo Clusone e la Valle Seriana, il luogo dove sono nato, cresciuto e dove vivo tutt’ora”.

Una storia tra Valle Seriana, Austria e Germania

Il romanzo, ambientato appunto in Valle Seriana, Austria e Germania, racconta la storia di due ragazzi che si sono conosciuti da poco, Claudia ed Alver. La ragazza si trasferisce presto in Germania per studiare lingue ed Alver, non pensandoci due volte, attraversa tutta l’Austria e arriva fino alla Germania per rivedere Claudia.

“A quel tempo – prosegue Stefano – era tutto diverso, la tecnologia non esisteva e le lettere scritte erano il mezzo di comunicazione più utilizzato. Anche gli spostamenti tra i vari paesi e tra le nazioni erano diversi e più difficoltosi rispetto ad oggi. Al tempo si viveva solamente di contatti umani”.
Questo fa riflettere notevolmente sulla condizione attuale: la tecnologia è all’avanguardia e, se utilizzata in modo consono, può essere sicuramente un aiuto per mantenere vivo il contatto tra le persone, come nei difficili mesi del lockdown.

Il romanzo ‘Persi nel diluvio’, edito da Europa Edizioni, è disponibile già da ora su tutte le piattaforme di acquisto online, mentre dal 3 gennaio potrà essere acquistato nelle varie librerie.

Indiavolati, prima, e ora ecco Persi nel diluvio. E un terzo libro? “Perché no? – risponde lo scrittore clusonese -. Scrivere è la mia passione e se ne avrò occasione e soprattutto tempo a disposizione, non precludo nulla”.

Gioia Masseroli

Tutti i diritti riservati ©

Un Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente
3 donne sospette sono state segnalate a Fiorano al Serio:...

Iscriviti alla news letter

You have Successfully Subscribed!