info@valseriananews.it
Valseriana News > News > Cultura > Gandino dedica la sala civica a Giovanni Motta, primo presidente della provincia
Cultura, GANDINO Val Gandino

Gandino dedica la sala civica a Giovanni Motta, primo presidente della provincia

In occasione della festa del 25 aprile Gandino dedica la sala civica a Giovanni Motta, primo presidente della provincia.

L’omaggio doveroso ad un gandinese che ha dato un contributo determinante alla storia del secolo scorso ed ai fondamenti dell’attuale convivenza civile. In coincidenza con la Festa della Liberazione di domenica 25 aprile, il Comune di Gandino dedica all’avvocato Giovanni Motta la nuova sala civica realizzata negli ultimi anni nel complesso del Salone della Valle (sede del Consiglio Comunale) in Piazza Vittorio Veneto.

“La Festa della Liberazione – spiega il sindaco Elio Castelli – rinnova ogni anno l’importanza dei valori di democrazia e partecipazione che sono alla base della nostra Costituzione. L’avvocato Giovanni Motta fu, nel 1945 il primo presidente della Provincia di Bergamo dopo la Liberazione e negli anni del fascismo fu attivo nella Resistenza e conobbe anche le privazioni del carcere. Un esempio di attualità di cui Gandino deve essere orgogliosa”.

Giovanni Motta

Giovanni Motta nacque a Gandino il 6 dicembre 1900. Si diplomò a Bergamo al Liceo Mascheroni e nel 1923, in piena epoca fascista, si laureò a Pavia in Avvocatura Civilistica. Nel 1918 si era arruolato giovanissimo nell’esercito dopo la disfatta di Caporetto e nell’anno della laurea scelse di tesserarsi al Partito Comunista. Venne per questo “preventivamente” nel 1924 durante la visita di Vittorio Emanuele III a Milano. La sua militanza politica gli impedì di esercitare la professione di avvocato per tutto il Ventennio, in quanto mai avrebbe preso la tessera del Partito Fascista che gli avrebbe consentito di iscriversi all’Ordine degli Avvocati. Allacciò rapporti con gli antifascisti bergamaschi, tra cui l’avv. Tiraboschi, e svolse attività di sostegno ai perseguitati dal regime grazie alla rendita finanziaria del patrimonio di famiglia.

“Pur non entrando in clandestinità – ricorda Mariangela Rudelli, assessore alla cultura –  si inserì nella 53^ Brigata Garibaldi con il nome di battaglia di “Ingegner Pietro Dolcini” e il suo compito fu quello di rifornire la Brigata di medicinali, armi, soldi e informazioni. Proprio la 53^, comandata da Giovanni Brasi, “Montagna”, ebbe come area di azione la zona di Gandino e la casa della famiglia Motta, così come il Roccolo del Colle, diventarono importante base di supporto per i partigiani”. Fra quanti frequentavano casa Motta ci fu anche Giorgio Paglia, vittima insieme ai compagni dell’eccidio della Malga Lunga del novembre 1944. Giovanni Motta diede ospitalità per diversi mesi anche all’inviato del Pci nazionale (incaricato di organizzare i partigiani della Bergamasca), il futuro senatore Mario Mammuccari, già arrestato e più volte mandato al confino, ancora ricercato e passibile di condanna a morte. “Da sottolineare – aggiunge Rudelli – l’interessamento dell’avv. Motta per quanto avveniva a Gandino nell’immediato dopoguerra, testimoniato da un accorato appello al prof. Vincenzo Rudelli. Lo convinse ad insediarsi come sindaco e raccomandò pure che certe pratiche brutali (es. rasare i capelli in pubblico alle donne ritenute conniventi con il regime) venissero messe al bando”.

La sua nomina a presidente della provincia di Bergamo

Al termine della guerra, proprio per il fatto di essere antifascista di lungo corso, Giovanni Motta fu nominato Presidente della Provincia, il primo della Bergamo democratica. Il suo mandato durò sei anni, con un reincarico fino al 20 giugno 1951, esattamente settant’anni fa. Nel corso del suo mandato vi furono interventi significativi, fra i quali si ricordano la ricostruzione dell’ospedale psichiatrico, la sistemazione della provinciale della Val Seriana e l’inaugurazione della seggiovia a Foppolo. Già nel 1960 gli venne conferita l’onorificenza di Cavaliere al merito della Repubblica. Nel 1985, per la dedizione e l’impegno profusi in provincia, il Comune di Bergamo intitolò all’avv. Motta l’omonima via in zona Conca Fiorita.

L’intitolazione della sala sarà l’evento culminante di una mattinata che prevede la deposizione di corone d’alloro a Cirano, Barzizza e al Cimitero Comunale. Dopo la S.Messa delle 10.30 in Basilica, la cerimonia conclusiva si terrà in piazza Vittorio Veneto davanti al Salone della Valle, sulla cui facciata sono collocate le lapidi dedicate ai caduti di tutte le guerre. Da ricordare che la sala al piano terra fu dedicata nel 2011 ad Alessandro Ferrari, vigile gandinese morto nel 1993 nella strage di Via Palestro a Milano. “Purtroppo – conclude il sindaco Castelli – a causa delle restrizioni della pandemia, non sarà possibile estendere le celebrazioni a tutta la cittadinanza”.

3 Commenti

  • Tom ha detto:

    Ben fatto! A ricordare Uomini così, serve anche il 25 Aprile festa della Liberazione.

  • Tom ha detto:

    “Venne per questo “preventivamente” nel 1924 durante la visita di Vittorio Emanuele III a Milano.”
    Vi siete dimenticati, cosa venne preventivamente: forse fermato/arrestato… 

  • Roberto Colombi ha detto:

    Un galantuomo stimato che ha fatto del suo impegno civico e politico, una ragione di vita per il ripristino della democrazia in Italia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente
Usura ai tempi del Covid: a Bergamo 2 arresti e...

Iscriviti alla news letter

You have Successfully Subscribed!