info@valseriananews.it
Valseriana News > News > Sport > E’ tornata l’Atalanta europea: 2-2 con il Villarreal
Sport

E’ tornata l’Atalanta europea: 2-2 con il Villarreal

Allo Stadio della Ceramica di Villarreal, l’Atalanta porta a casa un pareggio meritato, dopo essere stata in vantaggio e avere subito il sorpasso degli spagnoli

Allo Stadio della Ceramica di Villarreal, l’Atalanta porta a casa un pareggio meritato, dopo essere stata in vantaggio e avere subito il sorpasso degli spagnoli. Il 2-2 è da considerarsi un risultato positivo, sia perché ottenuto fuori casa, sia per avere visto un’Atalanta tornata a esprimersi su livelli europei. L’impatto con la terza stagione consecutiva di Champions League può dirsi confortante, anche se in alcuni giocatori nella ripresa è affiorata la stanchezza, con i cambi pronti per ritrovare la freschezza atletica. Se il principio secondo cui la migliore difesa è l’attacco, l’Atalanta è stata capace di interpretarlo mettendo in campo ritmo intenso e precisione per metà del primo tempo. Un atteggiamento ripagato dal gol del vantaggio dopo 6’ firmato da Freuler.

Poi, però, il Villarreal si è liberato dal pressing ed è risalito progressivamente, facendo abbassare il baricentro dell’Atalanta, che ha subito il pareggio al 39’ di Trigueros. Bravo e decisivo Musso per due volte sull’attaccante spagnolo Moreno, su cui ha effettuayo parate prodigiose. Nel secondo tempo l’Atalanta è ripartita con decisione, sfiorando il gol con Gosens e Zapata, che ha colpito la traversa. Dopo il triplo cambio deciso da Gasperini, a metà ripresa, con Ilicic, Koopmeiners e Pasalic al posto di Zapata, De Roon e Malinovskyi, l’errore difensivo che ha permesso ai padroni di casa di passare in vanraggio. Infine, il pareggio, per merito di Gosens su assist di Ilicic. Nel finale Musso è tornato protagonista, ma l’Atalanta si è espressa con grande personalità su uno dei campi più difficili d’Europa.

Leggi la cronaca su TerzoTempoSportMagazine.it.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente
Uno studio realizzato anche al Papa Giovanni di Bergamo rivela...

Iscriviti alla news letter

You have Successfully Subscribed!