info@valseriananews.it
Valseriana News > News > Cronaca > Crisi autotrasporti: solo a Bergamo ne mancano 600
Cronaca Bergamo

Crisi autotrasporti: solo a Bergamo ne mancano 600

Crisi autotrasporti: solo a Bergamo ne mancano 600. Pregreffi: "Il problema è la carenza di candidati. Serve uno stipendio adeguato"

“Le associazioni di categoria da tempo evidenziano che il numero degli autisti per l’autotrasporto è insufficiente a coprire la domanda – dichiara la senatrice Simona Pergreffi capogruppo Lega in commissione Trasporti che ha presentato sulla questione un’interrogazione al Ministro Enrico Giovannini – tale carenza ha costretto numerosi operatori del settore al reclutamento in Paesi extra Ue. Ma per l’autotrasporto è necessario il conseguimento della Carta di qualificazione del conducente, ovvero l’abilitazione alla guida professionale per svolgere l’attività di autotrasportatore. Per questo motivo occorre incentivare i giovani a intraprendere questa professione garantendo uno stipendio adeguato e puntando sulla formazione del personale da reperire sul mercato del lavoro italiano”.

A Bergamo servono oltre 600 autisti

Continua la senatrice bergamasca: “Secondo le stime in Italia servirebbero circa 5 mila nuovi autisti per le flotte delle imprese del settore dei trasporti e della logistica. Nella sola provincia di Bergamo ne mancherebbero oltre seicento ma il problema è la carenza di candidati. È necessario intervenire con urgenza. Con minore disponibilità di autisti aumentano le tariffe del trasporto che i committenti dovranno rigirare sul costo del loro prodotto e alla fine l’onere ricadrà sul consumatore finale.

Le motivazioni

“Tra le motivazioni del calo degli autisti – conclude la senatrice Pergreffi- c’è il costo elevato per il conseguimento della patente (circa 4 mila euro) e i tempi che vanno da 10 mesi ad un anno. Cosa intende fare il ministro alla Infrastrutture per incentivare le assunzioni e risolvere il problema della carenza di autisti che sta colpendo le aziende di autotrasporto e la logistica ?”. Il problema della carenza degli autisti è stato affrontato in Commissione Trasporti al Senato e sono state inserite nel parere al documento di economia e finanza (def) altre due richieste  della senatrice Pergreffi che riguardano il settore ovvero la riduzione dell’accise sul gasolio commerciale e l’allineamento agli altri partner europei con un’agevolazione transitoria di due anni per favorire l’impiego di veicoli a basso impatto ambientale e di istituire un credito di imposta per le imprese di bus turistici per dare loro la possibilità di rinnovare i mezzi.

Tutti i diritti riservati ©

6 Commenti

  • barzizza terra rossa ha detto:

    semplice!! dare il CQC a prezzo molto minore , con molte meno ore delle 150 ore e senza l’assurdo esame finale!!!

  • Luca ha detto:

    Penso proprio che il CQC sia l’unico NON problema legato alla mancanza di autisti.

    • barzizza terra rossa ha detto:

      e chi li paga 4000 euro per fare la patente C? con 130 ore di lezione e magari l’esame finale sbagliato per l’emozione?????????

  • Luca ha detto:

    Penso proprio che il CQC sia l’unico NON problema legato alla mancanza di autisti.
    Se pensi a chi gli autisti li ha e malgrado le MINIMO 290 ore mensili LAVORATE e GUIDATE per 2000 euro al mese li fa scappare forse il problema è altrove.

  • Luca ha detto:

    Naturalmente le straordinarie non sono versate in busta,di modo che quando vai in pensione prendi anche il secondo calcio in culo.

  • gianluca ha detto:

    ma dunque senza polemizzare un dramma che avete anche con i commenti esposti…avete provato a reclutare i nostri disoccupati etiopi eritrei somalie libici
    visto che ormai siamo multi etnici ….di fs un bsndo specifico per loro e si arruolano come conducenti ….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente
Discoteche riaperte al 50%, Visinoni titolare del Life Club di...