info@valseriananews.it
Valseriana News > News > Cronaca > Pensionati vittime del caro bollette, le richieste di Adiconsum
Cronaca

Pensionati vittime del caro bollette, le richieste di Adiconsum

Pensionati vittime del caro bollette, le richieste di Adiconsum: “Servono interventi seri per scongiurare il rischio povertà di migliaia di anziani”

Il caro bollette e la difficoltà a porvi rimedio fa scattare l’allarme povertà per i pensionati e per le famiglie monoreddito. A farsene carico, FNP CISL e ADICONSUM di Bergamo. “Quest’anno il costo dell’energia assorbirà più di una mensilità dell’assegno pensionistico medio – dichiara Caterina Delasa, segretaria generale della categoria del pensionati di via Carnovali-. Gli aumenti dell’energia elettrica e del gas quest’anno non solo annulleranno ampiamente i benefici della perequazione recuperata dai pensionati, ma di fatto finirà per assorbire nell’anno quasi una mensilità dell’assegno pensionistico medio nonostante i correttivi del governo. Inoltre questi aumenti finiranno per azzerare il bonus sociale che prevede uno sconto dai 128 € a 177 all’anno per luce e da 67 a 245 € anno per gas per le famiglie con ISEE fino a 8250 € o per le famiglie numerose fino a 20000 €, famiglie particolarmente fragili”.

Centinaia le richieste di assistenza

ADICONSUM è subissata in questi giorni da richieste di assistenza e consulenza da parte di cittadini e famiglie bergamasche alle prese con un’impennata generale dei prezzi, “molte persone ci dicono: o accendo il riscaldamento o mangio . Il problema non si risolve con interventi tampone – sostiene Mina Busi, presidente di ADICONSUM Bergamo. La mancanza di una strategia energetica nazionale rischia di far crescere il numero dei cittadini in povertà energetica. È ora che la politica affronti la questione una volta per tutte”.

La CISL chiede l’eliminazione delle accise

L’associazione consumatori della CISL chiede l’alleggerimento della bolletta eliminando le accise e tutte le voci non pertinenti ai consumi energetici; il trasferimento di alcuni oneri generali di sistema sulla fiscalità generale; il contenimento dell’Iva e della tassazione; l’aumento del bonus sociale e del tetto Isee per accedervi; l’adozione di interventi per assicurare apparecchiature più efficienti per i disagiati economicamente; la creazione di un fondo sociale per i consumatori vulnerabili; un albo dei venditori per il mercato libero con accesso consentito solo dietro garanzie fidejussorie.

“L’impennata generalizzata dei prezzi, cui non corrisponde l’adeguamento di salari e stipendi, è una conseguenza della pandemia alla quale non eravamo preparati. Il 2022 avrà sui conti delle famiglie un aggravio stimato in + 1500 euro. L’inflazione su base annua a gennaio 2021 era allo 0,4, a dicembre è salita al 3,9%”.

Il numero di pensionati fragili e soprattutto pensionate aventi diritto al bonus sociale è molto alto e il rischio reale, secondo FNP, è che siano costretti a tagliare le spese di prima necessità (alimentazione, riscaldamento , cure mediche) per far fronte a questi rincari inattesi. “Servono misure dedicate per dare una mano a queste persone ultrasessantacinquenni in difficoltà, rivedendo la struttura della bolletta e fare in modo che la spesa sia legata al consumo reale e non appesantita fino al il 50% del dovuto da oneri di sistema come succede oggi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articolo precedente
Articolo precedente
Il Corpo Volontari Presolana piange Giuliano Bianchi "Il Nonno", punto...