info@valseriananews.it
Valseriana News > News > Cronaca > Ristori alle case di riposo, ATS Bergamo fa chiarezza
Cronaca

Ristori alle case di riposo, ATS Bergamo fa chiarezza

Ristori alle case di riposo, ATS Bergamo fa chiarezza: “Importanti interventi di Regione Lombardia”. Previsti interventi per migliorare l’organizzazione delle RSA

L’Agenzia di Tutela della Salute di Bergamo interviene sul tema dei fondi alle case di riposo e del mancato arrivo di contributi regionali.  “Relativamente alle chiusure imposte alle Strutture durante il 2020, per evitare il contagio e proteggere gli ospiti delle Case di Riposo – chiarisce il dottor Giuseppe Matozzo, Direttore Sociosanitario di ATS Bergamo – è noto che la pandemia ha costretto l’adozione di provvedimenti estremi e drastici per evitare il peggio, soprattutto all’interno di strutture con ospiti fragili quali gli anziani”. 

“Per quanto riguarda i contributi economici messi in campo da Regione Lombardia – prosegue Matozzo – è giusto ricordare che con Deliberazione di Giunta n. XI/3782 del 03.11.2020 è stato disposto l’incremento del 2.5% sulle tariffe riconosciute agli ospiti delle unità d’offerta per anziani e disabili RSA/RSD/CSS/CDD/CDI, con decorrenza retroattiva, al 1° gennaio 2020, e con continuità sugli esercizi successivi”.

Inoltre per l’ospitalità di malati Covid nelle strutture, richiesta da Regione Lombardia per allentare la pressione negli ospedali, la Dgr 3529/2020 ha previsto una remunerazione giornaliera di 145,00 euro al giorno per ogni ospite, pagando quindi interamente le spese necessarie al suo ricovero in Rsa. 

“In merito alla richiesta di tenere un posto libero ogni 20, in caso di isolamento di eventuali ospiti –  precisa ancora il dottor Giuseppe Matozzo- , le Regole 2022 di Regione Lombardia – DGR XI / 6387 del 16/05/2022 “DETERMINAZIONI IN ORDINE AGLI INDIRIZZI DI PROGRAMMAZIONE PER L’ANNO 2022″ – stabiliscono la possibilità di dedicare un locale per l’isolamento lasciando libero il posto a contratto, che verrà remunerato con la tariffa massima della Rsa, incrementata di ulteriori 40 euro”. 

Oltre ai provvedimenti indicati sopra si ricorda che Regione Lombardia ha previsto ulteriori misure per le case di riposo, ad esempio: 

  • un ulteriore incremento tariffario del 3,7% con decorrenza retroattiva al 01.01.2021 e con continuità negli anni successivi, che ha determinato un ulteriore incremento dei budget delle Rsa di 3.100.075. Tale decisione, unita al 2,5 % del provvedimento 3782/2020 ha generato un incremento totale a favore delle case di riposo pari a 5.143.631 euro; 
  • la legge regionale 24/2020 ha previsto un aumento di 12 euro a giornata per ospite dal 01.01.2020 e fino al termine dello stato emergenziale, quindi anche per l’anno 2022; 
  • un incremento aggiuntivo di 40 euro per ciascuna giornata di assistenza riferita ad ospiti risultati positivi al Covid-19 o con sintomatologia riconducibile, al fine di riconoscere il maggior impegno assistenziale garantito agli ospiti. Anche questa misura è stata confermata per il 2022. 

“Nel ringraziare infinitamente tutte le strutture che hanno contribuito alla gestione di questa grave situazione epidemica – conclude il Direttore Generale di ATS Bergamo, dott. Massimo Giupponi -, ricordo che a Regione Lombardia sono stati assegnati ulteriori 11 milioni da parte del Ministero della Salute proprio per fronteggiare le criticità presenti e facilitare il reperimento di presidi e ausili medici idonei a prevenite il rischio di contagio.  L’Ats di Bergamo si attiverà per intercettare i fondi attraverso una manifestazione di interesse e poter supportare in maniera ancora più efficace la rete delle Rsa territoriali nel loro difficile compito”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articolo precedente
Articolo precedente
Auto fuori strada a Casnigo, ferita 58enne